Errori

Draco Malfoy, Un ragazzo da tutti considerato un poco di buono.
Denise Holmes, una ragazza che da poco si conosce veramente.
Storia immersa in odio, amore, litigi, amicizia e sopratutto errori.

!!per la storia sto utilizzando SOLO i luoghi e alcuni personaggi dei romanzi "Harry Potter"!!

19I mi piace
94Commenti
10405Visualizzazioni
AA

8. Preparativi.

Capitolo 8: Preparativi.

La sera del 30 ottobre è finalmente arrivata, questo comporta che il ballo non è più una tappa così lontana. Non mi era mai importaro di un ballo prima d'ora, eppure, questa notte ha qualcosa di speciale.

Forse per la delusione che ho avuto dal Principe delle serpi che dorme accanto a me ora? O forse per la delusione di non avere un cavaliere?

Ma non ho mai avuto così a cuore un ballo. Alla fine è solo una festa come tante altre, molto simili a quelle babbane.

I miei pensieri sono totalmente rivolti al dilemma del ballo, inizio a pensare ai vestiti nell'armadio, all'acconciatura, al trucco. Si, perché al ballo ci voglio andare.. Sola o accompagnata io ci vado.

E con questi pensieri il sonno si fa sentire di più e cado profondamente in sogni pieni di abiti costosi e risate senza tempo.

Al mattino è sempre difficile alzarsi, ma mai difficile come oggi, sopratutto per me.

Anche se oggi stanno allestendo la sala grande per il ballo al mattino dobbiamo fare lezione, poi, fortunatamente il pomeriggio ce lo concedono per i preparativi.

La camera è fredda e umida, come al solito, e il mio completino in pizzo non copre come dovrebbe. Un pigiama dovrebbe tenere caldo!

Bluberry è nella sua cuccia al caldo e non ha intenzione di svegliarsi molto presto.

Io, seppur con malavoglia, mi alzo dal letto e indosso la classica divisa di Hogwarts, fatta eccezione per le scarpe, le mie converse blu.

Le prime due ore di pozioni sono state estremamente interessanti, Arabella mi ha aiutato tanto in pozioni e adesso sono al passo con tutta la classe.

Mentre ci dirigevano a divinazione chiedo ad Arabella:

"Hei, sta sera vai al ballo?"

"Si, penso di andarci, tu?"

"Non ho un accompagnatore"

Arabella con profonda sorpresa: "ma sei pazza andiamo io, te e altre due ragazze di serpeverde, vedrai che ti diverti"

Annuisco continuando a sorriderle, è veramente contagioso.

Le ore passano in fretta e dopo le due ore di divinazione abbiamo finalmente un pomeriggio di libertà.

Arabella deve andare a fare compere, io invece ho già tutto il necessario.

Quindi corro in camera a prepararmi.

Ho parecchi vestiti nell'armadio che possono andare bene per la festa..

Sono indecisa su tre:

Il primo lungo in seta spessa verde smeraldo, il corpetto stretto con lo scollo a cuore e dei cristalli sulla scollatura, la stoffa intrecciata stretta fino a metà coscia e poi si allarga lasciando scoperta una gamba, la schiena scoperta.

Il secondo nero con lo scollo liscio e la gonna ampia

Il terzo di un colore blu notte, la gonna a balze ed il corpetto pieno di piccoli fiorellini dello stesso colore della gonna.

Il rumore dell'acqua che fino a poco fa inondava la stanza ora non c'è più e mentre indosso il vestito verde smeraldo esce dalla porta del bagno uno stupendo ragazzo dagli occhi di ghiaccio, i capelli bagnati gocciolano sul pavimento della stanza, il piccolo, troppo piccolo, asciugamano che tiene in vita non lascia quasi niente all'immaginazione. Il suo sorriso fa risplendere tutta la stanza.

Draco all'improvviso parla: "sei stupenda, metti questo." Ed indica il vestito che ho addosso.

Poi apre un po' di cassetti e se ne torna in bagno fischiettando.

Sono ancora rossa come un peperone quando sento la porta del bagno chiudersi.

Mentre aspetto Draco per andare a fare la doccia, mi spoglio e indosso un comodo accappatoio color crema e aspetto, aspetto ancora.

Il biondino non la smette di fischiettare e sembra che non abbia tanta voglia di uscire tanto presto.

Vado a bussare alla porta del bagno.

"Vieni" una voce vellutata mi invita ad entrare. Apro la porta. Un Draco in boxer grigie è davanti allo specchio e si pettina i capelli, sento le gambe cedere. È una visione stupenda. Gambe muscolose e marmoree, addominali scolpiti, come ogni altro muscolo del suo corpo, braccia forti, all'anulare sinistro un anello con lo stemma dei Malfoy.

"Dovrei andare in doccia.." Dico timidamente.

Lui con una risata stupenda "non sbircio"

Così con un mossa rapida sciolgo i capelli dalla coda in cui li avevo legati per provare i vestiti, i soffici boccoli color nocciola mi ricadono morbidi fino alla schiena, poi mi tolgo l'accappatoio e resto totalmente nuda davanti a Draco Malfoy.

Entro in doccia, che mi rilassa subito, facendomi dimenticare per una decina di minuti la fretta che ho.

Lavo i capelli con uno shampoo alla menta, finisco di risciacquarmi ed esco, Draco è ancora qui, per prendere l'asciugamano devo passargli davanti, completamente nuda.

Con coraggio trovato non so dove, inizio a camminare tutta gocciolante verso l'asciugamano e Draco me lo passa, ma in quel momento scivolo in una pozza d'acqua nel pavimento e sarei finita a gambe all'aria se Draco non mi avesse afferrata in tempo.

Si, sono praticamente in braccio a Draco Malfoy, il principe delle serpi, e completamente nuda, sento la sua erezione aumentare e spingere sulla mia pancia, e sto andando in panico, vedo i suoi occhi chiudersi, il suo viso avvicinarsi, così colgo l'attimo e avvicino il mio viso al suo, ci diamo un bacio lento ed estremamente sensuale, le sue labbra fredde contro le mie calde e decisamente troppo avide di lui, la sua lingua dolce ed esperta si fa spazio tra la mia per poi continuare un ballo lento tra loro.

Poi si stacca e noto che ha un sorriso malizioso stampato sulle sue labbra perfette.

"Che c'è da ridere?"

"Sei qui, completamente nuda davanti a me, e poi mi chiedi cosa c'è da ridere? Non sembri una ragazza che è venuta qui per avere la migliore scopata della sua vita. Non sei come le altre che cercano di entrare subito nel mio letto"

"No infatti" gli rispondo, prendo l'asciugamano ed esco dal bagno con una fitta di dolore nel cuore e le lacrime che mi rigano le guance, non pensavo mi volesse solo per scopare. Non dovevo baciarlo! Non dovevo!

Mi metto il vestito verde, delle scarpe col tacco anch'esse verdi in velluto, i miei capelli che ora sono completamente asciutti li acconcio col ferro e creo dei boccoli grandi che mi ricadono sulle spalle nude, il trucco lo faccio molto semplice, la base col fondotinta, l'eye liner nero, della matita nera e del mascara, poi indosso degli orecchini regalati da mia madre con lo stemma della nostra famiglia, e l'anello con lo stesso stemma, poi una collana con un ciondolo a forma di serpente.

Aspetto Arabella nella sala comune e mentre mi siedo vedo Pansy con un vestitino rosso con la gonna troppo stretta e corta, e come top due semplici stringhe di tessuto rosso grande abbastanza per coprire i seni per metà. Penso che stia aspettando Draco.

Vedo Arabella con un vestito di chiffon azzurro e il corpetto ricoperto di strass, le scarpe col tacco azzurre con un laccio in seta sulle caviglie, i suoi capelli ramati acconciati alla perfezione, i suoi occhi color sabbia circondati da ciglia lunghissime, siamo pronte per il ballo.

Iscriviti su MovellasScopri perché tutta questa agitazione. Iscriviti adesso per cominciare a condividere la tua creatività e passione.
Loading ...