Dream holidays

Questa è una storia di una ragazzina italiana che decide di fare una vacanza studio in Inghilterra tra ragazzi ,amori e studio se la caverà la nostra Anna?!? (Lei è una mia amica "Cloe"in the key of love)

6Likes
14Comments
3208Views
AA

7. a knot in my stomach

Capitolo 7 “A knot in my stomach”

Mi suona il cellulare, è Liam ‘Ciao, non è che ti va di venire a casa mia a studiare oggi? PleaseJ’

‘Ok, arrivo’

Cosi prendo la cartella, saluto Sophia e mi avvio fuori casa, verso la casa di Liam.

Piove, come sempre, e io non ho la felpa, quindi mi metto a correre. Verso metà della strada, qualcuno mi ferma “Anna!”

Hazza era dall’altra parte della strada, con un ombrello! Un dono dal cielo! Lo raggiungo in fretta.

“Ciao” lo saluto

“Dove vai di bello?” mi chiede

“A ripetizioni da Liam”

Si rattrista, non credo gli vada a genio il fatto che Liam mi da ripetizioni. “Ma quando piove in Italia si gira senza ombrello?”

“Diciamo che ce lo dimentichiamo spesso…” arrossisco

“Sei fradicia” ride.

Siamo stretti stretti sotto l’ombrello, e lui mi guarda con quei suoi bellissimi occhi.

“Se vuoi ti lascio il mio ombrello” mi dice

“hai voglia di fare una doccia?” scherzo

“Sì, è da ieri che non la faccio e ne sento il bisogno” ride

“Grazie, ma tanto sono arrivata. E’ lì dietro”

“Va bene, io vado allora. Ciao!”

“Ciao” e ricomincio a correre

Avrei accettato se lui avesse insistito, di solito si dovrebbe insistere se ci tieni davvero alla tua ragazza… Chi li capisce questi inglesi?

Suono al campanello e viene ad aprirmi Liam.

“Come stai Anna?” mi saluta

“Fradicia” rido, e anche lui ride. Che bel sorriso. Devi smetterla di pensarlo, inizia a stancare.

“Vieni dentro” entro, la casa è molto bella.

Una tipica villetta londinese, di tre piani, con moquette ovunque e tante loro foto.

La sua stanza è al secondo piano, è tappezzata di poster di calciatori e cantanti famosi, con una scrivania, un armadio, un letto. E foto di lui e Sophia dappertutto.

“Con cosa vuoi iniziare?” mi chiede

“Non saprei… devi dirmelo tu!” gli rispondo

“Giusto, facciamo i compiti per dopodomani?” mi chiede

“Siiii” esclamo

“Sei così contenta di fare i compiti?”

“No, sono contenta che domani non c’è Brown!” rido e ride anche lui.

Il pomeriggio passa tranquillo, facciamo i compiti e poi lui mi aiuta a studiare. Verso le quattro finiamo.

“Grazie per avermi dato una mano”

“Di niente”

“Posso farti una domanda?”

“Dato che anche tu sei stato espulso il primo giorno, come me come fai a essere un tutor? Insomma un secchione?”

“Devo semplicemente smaltire dei lavori sociali per la scuola, e mi hanno messo come tutor in algebra. Non vado male in questa materia ma odio Brown”

-ahhhh-

“Ok”

Faccio per uscire, ma mi ferma

“Vuoi che ti accompagno così non ti bagni di nuovo?”

“no, fa niente” gli rispondo

“Dai, non voglio che ti bagni” insiste

Ha insistito!J

“Ok”

Usciamo di casa, e ci avviamo verso casa Smith. Tutti e due sotto l’ombrello.

“Tieni la mia felpa” mi dice mentre me la mette sulle spalle “Tienila, te la regalo”

“grazie” –che tenero!-

Durante il tragitto verso casa, mi racconta di lui e Sophia. Si sono conosciuti alle elementari, e a Liam lei è piaciuta fin da subito. Liam era un po’grassottello nelle medie e a lei lui non piaceva. Ma poi negli anni è dimagrito e, finalmente, nelle superiori hanno iniziato a uscire insieme. Stanno insieme da due anni ormai.

Arriviamo in via Dobben, a casa di Sophia, ci fermiamo sotto il portichetto del cancello.

“grazie per avermi accompagnato” sorrido “E per avermi regalato la felpa”

Lui mi sorride. Ma che… no! Basta.

Gli salterei addosso se solo non avessi un nodo a metà tra lo stomaco e la gola, chiamato Sophia, che mi tortura dicendomi di dimenticarlo.

“Allora ciao” lo saluto

“Ciao” mi saluta lui, e mi abbraccia. Al momento rimango un po’ sbalordita, piacevolmente sbalordita, ma poi ricambio l’abbraccio.

E così rientro in casa.

“Liam” urla Sophia uscendo “Noi dobbiamo parlare”

Scatta l’allarme litigio, e anche Liam se ne accorge.

Non voglio disturbarli, e così entro in fretta in casa.

“Perché?!?” le chiedo

“Lui, lui non mi piace più. Non provo più la stessa cosa!” si ferma “Io amo Calum” continua sognante.

“E chi è???” le chiedo a metà tra la preoccupazione e la rabbia “Non lo avrai mica tradito!!!” come si fa a lasciarsi scappare uno come Liam?

“Uno dei ragazzi della band australiana che ha suonato al Road’s quella sera che… insomma, ti sei ubriacata!”

“Ah, ecco perché non me lo ricordo…” penso ad alta voce

“Già, l’amico di quello con cui ti sei messa a ballare”

“Chi era?” le chiedo preoccupata, non posso ricordarmi qualcosa di quella maledettissima sera?!?

“Il batterista… Ashton, mi sembra”

“Carino?” chiedo curiosa

“Ti ricordo solo un nome… Harry” mi rimprovera

“Come non detto” arrossisco

“Liam come la ha presa?”

“Bene, ha detto che tanto fra poco sarebbe finita comunque, non gli piaccio più come una volta” sospira

“Ok..” le rispondo, dispiaciuta per lei.

Ma sotto sotto, sento quel nodo sciogliersi, finalmente ho la gola libera da Sophia! Finalmente c’è Liam libero da Sophia!

Piccolo problema: Harold Edmund Styles…

Liam’s pov

Silenzio, si sente solo Niall che sorseggia la sua coca cola.

Non so se dirglielo. Ma si, tanto, che male c’è? Non è di sicuro un dramma, lei non mi piaceva più.

“Ci siamo lasciati” rido, non so perché ma sono contento

“Davvero?” urla Niall, sputando la coca addosso a Lou

“Grazie Niall” commenta l’altro, provocando la risata di Zayn

“E come?” chiede Hazza

“Lei mi ha detto che non prova più gli stessi sentimenti, e che le sembra che per me sia la stessa cosa. Vuole provare a uscire con altri ragazzi, perché le sembra che la nostra relazione non sia abbastanza seria” spiego, loro mi guardano persi, non hanno capito niente “Parole sue” gli dico.

“Okkkk” commenta Niall

“E adesso cosa vuoi fare? Ti piace qualcun’altra?” chiede hazza, sembra quasi che sappia che mi piace la sua ragazza…

“No” non posso dirlo, non se c’è lui “Nessuno”

“ma… PERCHE’?” chiede Niall

“Credo che mi abbia visto tornare con Anna, la ho salutata con un abbraccio, la sera al pub sono sempre stato con lei…” penso ad alta voce, intanto Hazza è sbiancato “E che abbia FRAINTESO” mi correggo

Niall si alza, serissimo, si mette in piedi sul tavolo e urla “Siamo entrambi SINGGGGLLLEEEEEE!!!”

Poi si mette a cantare e ballare la macarena “Dale a tu cuerpo alegria macarena… eeeh macarena”

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...