The true story of Emily Jones

Non Si parlava d'altro, i giornali, riviste, telegiornali, perfino la gente non smetteva di parlare di emily jones. Chi è Emily Jones? Semplice,una ragazza di 17 anni. No,non è la ragazza "cool" della scuola, Non è nemmeno la piú "popolare". Allora come mai tutti parlano solo di lei? «Emily Jones,17 anni,Nata il 1943 data di morte 1960. Causa del decesso, Accoltellamento al torace Ed estrazione del cuore. Scena del crimine, Lago di skaneateles, È confermata la presenza Di acqua nei polmoni. Colpevole: Harry Styles.» Questo è ció che è stato scritto dalla Questura e il detective taylor. Tutte le prove portano a lui. Tranne una. Una prova essenziale,ma mancante, Per danneggiamento prove. Ma siamo sicuri che le prove siano state Danneggiate involontariatamente? Harry è davvero il serial killer Che sta terrorizzando tutta New York?

9Likes
12Comments
559Views
AA

10. capitolo nono

"muoviti"scatta togliendomi le coperte di dosso

"che ore sono?"domando stanca

"è tardi sono le tre,del mattino ovviamente"ghigna

cosa?

"mi hai svegliato alle tre del mattino?! per quale ragione?Spero per te che sia plausibile"

"dobbiamo andarcene via da quì,ora."sputa

"perchè?!"

"muoviti!"urla

mi alzo velocemente dal letto per prendere dei Jeans e un maglione siccome siamo in pieno inverno.

"Harry esci,mi devo vestire"

"perchè?"domanda sedendosi nel letto

"perchè mi devo cambiare e tu devi uscire."dico

"e se non volessi?"dice

"allora esco io"

Dico cercando di aprire la porta,ma è chiusa a chiave.

"che scherzo è questo?!"urlo indicando la porta

Ma si limita ad alzare le spalle.

"okay,allora esco così."dico

"non puoi uscire a maniche corte fa freddo fuori"scatta

"okay,allora..girati."dico

"va bene."dice girandosi di spalle

Ma appena sto per alzare la maglietta lo vedo rigirasi.

"Harry!"gli dico tirandogli un cuscino

"okay okay scusa!" dice mettendo la testa nel cuscino

approfitto la situazione per cambiarmi del tutto

"ora posso alzarmi? sto soffocando"dice

"si"rido prendendo la chiave della stanza che era nella tasca dei suoi Jeans

"hey aspetta"dice prendendomi la mano

"non voglio lasciarti sola"mi sussurra a un orecchio

"Harry sto solo andando a mettermi le scarpe."

"okay io prendo le valige"dice

"va bene."

subito dopo lo vedo arrivare con due valige in mano e una piccola valigetta nera che trascina con i piedi.

strano,non l'avevo mai notata.

"che c'è dentro quella valigetta?"domando incuriosita.

"merdate"scatta.

Merdate,merdate che hanno a che fare con Emily.

"ora andiamo"dice trascinandomi fuori.

"okay"mi limito a rispondere raggiungendo l'auto.

"ora dove andiamo?"dico

"in un'altra casa"si limita a dire.

"sarà sudicia come quella?"rido

"no è più pulita"dice facendo una smorfia

"okay"scrollo le spalle

"non dire a nessuno

dove abiti"

"perché?!"domando

"ti sei dimenticata che sei ricercata?!"domanda

"oh"dico

"ora ti chiami... Emily"dice

"perché quel nome?"mi lamento ricordando quella povera ragazza morta.

"okay okay scegli tu un nome"

"Jade"esulto

"Jade..okay,anche se preferisco Jeanette"dice mi sussurra per poi far partire l'auto.

[..]

"è mille volte meglio di quello che pensavo"dico guardando il piccolo ma accogliente appartamento.

"okay,fai un giro per Londra se ti va e rifletti su i tuoi peccati io devo andare in in bar a fare una telefonata"

"okay prima mi vado a fare una doccia"dico andando in bagno

"aspetta"dice prendendomi la mano,che però levo subito per il dolore del taglio che mi aveva fatto.

"scusa,ti dico dove sono le bende,sai per la mano"dice stringendosi nelle spalle.

"okay vieni"

Appena entriamo lui si dirige verso i cassetti prendendo delle garze e un po di disinfettante.

mentre io mi tolgo le scarpe.

"fatto"esulta posando gli oggetti medici accanto il lavandino

"grazie"dico iniziando a togliermi la vecchia garza

"aspetta,voglio farlo io"mi sorride

"N-no grazie. penso che tu abbia già fatto abbastanza."dico togliendo la mano dalla sua presa.

"okay" sputa uscendo dal bagno sbattendo la porta.

Forse ho sbagliato.

POV's HARRY

"Maledioze!"urlo tirando un pugno al muro per poi uscire di casa.

vado nel solito posto,come sempre.

Appena arrivo mi siedo per terra poggiando la mia schiena su un albero,o meglio su quello che era il mio posto sicuro.

"lo sapevo,lei ha paura di te"mi dico

"No lei ha paura di te Harry"scatto

"noi due,noi due siamo una cosa sola.

nessuno ci capirà nessuno. uccidila."sussurro

"NO! Mai!"

"ti stai innamorando per caso?"ghigno

"Io..io non lo so"abbasso la testa

"Non lo capisci che lei ci mollerà?ci abbandonerà come hanno fatto tutte le altre"

"quelle erano stupide ragazzine o infermiere"urlo

"ma ti hanno abbandonato"

"TI ODIO!SMETTILA NON LA UCCIDERÒ NON LO FARÒ"urlo alzandomi.

"non lo farai tu Harry,lo farò io"sussurra

"No tu non farai un cazzo!"dico estraendo una pastiglia dalla mia tasca.

"Sai che stai sbagliando,entrambi sappiamo che chiunque ci abbandoni non vivrà a lungo, e Jeanette è una di quelle."sussurra

"vaffanculo Harry"urlo ingoiando la pastiglia.

"patetico"ride entrando nel boschetto colei che tanto odio ma che senza di lei non potrei esistere.

"ora che vuoi?!"sputo

"sai cosa voglio Harry"dice inclinando le spalle sull'albero.

"non toccare quell'albero"la spingo

"e tu soddisfami" dice aprendo le braccia

"no,non ucciderò ancora,non per te"

"bene,di pure addio a quelle pastiglie"mi deride

"okay"scatto

"cosa?! sai che Harry,il mio Harry prende sempre il sopravvento su di te,senza quelle pastiglie ucciderai mezza Londra."

"sapevo che dovevo lasciarti a Washington."sbuffo

"e farmi perdere tutto questo divertimento"

"oh mamma! tu lo chiami divertimento?"sto impazzendo per colpa tua"

"non stai impazzendo,tu sei già pazzo"ride

"sparisci"sputo

"sapevo che dovevo uccidere quella sgualdrina ancor prima che tu la conoscessi,Harry Styles."

"non toccarla o io..."

"o tu?"ride

"io ti uccido"

"fa come vuoi,ma sappi Harry Styles, nessuno mi scappa"dice sadica.

L'ho fatta arrabbiare,ora ne dovrò pagare le conseguenze.

Ho forse le dovrà pagare Jeanette per me?

"cazzo!"urlo uscendo dal bosco

FLASHBACK

sempre,ogni giorno,succede sempre la stessa cosa,costantemente.Lo odio,lo odio con tutto il cuore.Solo perché ora sono impotente su di lui,ma giuro,ti prometto piccolo mio angelo che io ti salverò da questo uomo cattivo.Si lo ucciderò dopo averlo torturato,lo ucciderò dopo che mi avrebbe implorato pietà,dopo che avrebbe chiesto scusa per tutte le cattiverie che sta facendo.Lui è un mostro,e i mostri in questo mondo non sono i benvenuti.Nessuno merita di soffrire come sta soffrendo lei ora,nessuno.

FINEFLASHBACK

JEANETTE's pov

Finalmente ho finito di lavarmi e disfare le valige,quando sento sbattersi la porta.

Sarò nei guai,melo sento.

"Jeanette!!"urla

"si Harry?"domando uscendo dalla camera da letto

"muoviti"dice prendendomi il braccio facendomi sedere sul divano accanto a lui.

forse vuole soffocarmi col cuscino.

"ascoltami bene,ora ti chiami Jade Patel,il resto telo inventi al momento,non dare nessuna informazione a nessuno e sopratutto,Jeanette,non fidarti di nessuno.

Ricorda ti vogliono tutti morta,tranne io ovviamente"finisce la frase sbottando.

"Okay.."dico insicura

"che stavi facendo?"scatta

"sistemavo l'armadio,ho messo anche i tuoi vestiti nell'armadio"scrollo le spalle.

"non toccare mai più la mia roba,okay?!"ringhia

"s-scusa io volevo solo.."

"tu non volevi un cazzo,ora chiudi quella bocca.sono fin troppo incasinato per badare a una stupida ragazzina"urla indicandomi

"ah è così che la pensi?!"urlo alzandomi

"non urlarmi contro!"urla alzandosi torreggiando su di me.

"faccio ciò che mi pare, e ora torno a New York."urlo prendendo il giubbotto

"non osare attraversare quella fottuta porta!"urla

"e se lo facessi"ringhio uscendo sbattendo la porta

ma,subito mi rendo conto di aver fatto una cazzata.

Non ho un biglietto aereo,addosso ho solo una felpa larga e una tuta fin troppo leggera per il clima decisivamente fin troppo invernale per me per non parlare del fatto che ora Harry mi ucciderà.perfetto,direi.

"dove vuoi andare in queste condizioni? non hai niente."mi deride

"qualsiasi posto meglio che stare con te!"urlo scendendo le scale seguita da lui.

"smettila di fare la bambina"ringhia

"smettila di urlarmi contro"

"tu mi urli contro"urla

"ora che stai facendo?"sbotto

"al diavolo"dice

Io scendo velocemente le scale per andare contro qualcuno.

"oh scusami io non,io non l'ho fatto a posta"farfuglio

"tranqui..hey aspetta tu tu sei Jeanette!"dice abbracciandomi

"uhm,si. direi."dico non riconoscendo il suo volto.

"non dirmi che ti sei dimenticata del grande magnifico e stupendo Louis Tomlinson!"ride

"oh mio dio Louis!"urlo stringendolo forte me.

Quanto mi è mancato,il mio migliore amico e forse l'unico.

mi sono mancate le nostre merdate,troppo.

"uhm,dove andavi?"domanda

"lontano da questo appartamento"sputo

"che è successo?"dice preoccupato

"niente,sono solo stanca."

"okay,ti va se andiamo a bere..uhm..quello che ti pare"dice impacciato.

non l'ho mai visto così intimidito con me,mai.

"hey!non dirmi che il magnifico Louis ha perso la sua lucentezza!"esclamo ridendo

"oh no!aspetta solo.."

"che io ti uccida"sbuffa Harry avvicinandosi

oh,no.

"uhm..lui chi è?"dice Louis.

"lui é.."

"il suo ragazzo"dice avvicinandosi a me.

cosa?!

"ora vattene"ringhia

"no!"mi intrometto

"è un amico"

"e allora?"urla

"okay..penso che ci vedremo in giro,ciao Jeanette"mi dice abbracciandomi davanti a Harry per poi andare via.

Sono nei guai.

Odio il fatto di come lui abbia sempre il potere su di me.

Odio il fatto che deve essere superiore.Lo odio,credo.forse no,ma in questo momento gli avrei tirato uno schiaffo.Mi sono trattenuta.

È incredibile come lui abbia sempre la meglio,è irritante.

"cosa cazzo era quello?"dice sbattendomi dentro casa.

"esiste abbraccio nel tuo vocabolario?"lo derido

"non prendermi per il culo,Jeanette"ringhia

"ti odio!"urlo chiudendomi in camera da letto

{spazio autrice}

hey!

spero che vi piaccia il capitolo votate e commentate.

a breve ci sarà il trailer su youtube :)

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...