And your eyes.. Irresistible.

Cinque ragazzi normali, due ragazze normali, nuove grandi amicizie e perché no, anche nuove storie d'amore. Viaggiate insieme a Alex nel tunnel dell'amore/orrore!

7Likes
11Comments
288Views
AA

1. Capitolo uno.

"I need your love

I need your time

When everything's wrong

You make me right"

Guardai Mia con gli occhi lucidi e malinconici. Quella canzone fece riaffiorare tanti ricordi, ricordi che quella serata avrebbe dovuto farmi dimenticare. Mi strinse tra le sue esili braccia e mi sussurrò qualcosa all'orecchio, non sentii a causa della musica troppo alta ma le sorrisi, anche lei non se la stava passando bene e volevo solo il meglio per la mia migliore amica. Decisi di uscire a fumare una sigaretta. Ripensai al motivo della mia tristezza, Lucas, quel ragazzo che mi portò sulle stelle, per poi buttarmi giù nel vuoto senza farsi più sentire. A interrompere i miei pensieri fu un ragazzo, aveva un'aria attraente e misteriosa allo stesso tempo, mi urlò pensando di essere ancora dentro al locale:"Cosa ci fa una bella ragazza come te da sola al freddo?" Era ubriaco, il suo alito gli puzzava d'alcol, riuscivo a sentirlo nonostante fossi abbastanza lontana da lui, cercai di allontanarmi indifferente, ma mi afferrò da un braccio e mi fece atterrare sul suo petto. Riuscì a sentire i muscoli al di sotto della maglia, arrossì a quel contatto e quando se ne accorse rise maliziosamente, fortunatamente un grido lo distrasse e mi permise di staccarmi da lui, ci raggiunse un ragazzo che rimproverò il primo per essersi allontanato dal gruppo. Quando si accorse di me disse:"Tutto bene? Scusalo, è stato appena lasciato e gli abbiamo permesso di ubriacarsi, non è tipo da alcol" Rimasi allibita, era incredibile quante cose ci accomunassero, tranne per il fatto che lui era ubriaco marcio e io ancora sana, gli risposi:"Tranquillo, lo capisco benissimo.." Mi guardò con un velo di tristezza, ma gli sorrisi e ne approfittò per presentarsi:"Piacere Niall, lui invece è Zayn!" L'altro tipo mi guardò con un sorriso da ebete annuendo, era proprio buffo, sorrisi e risposi:"Alexandra, ma potete chiamarmi Alex!" Il biondino sobrio mi sorrise per poi avvisarmi che sarebbe dovuto tornare dagli altri, così ci salutammo e tornai dentro cercando Mia. Riuscì a trovarla in tempo, era avvinghiata ad un ragazzo dallo sguardo cattivo e malizioso, le sue intenzioni le si leggevano negli occhi, rabbrividì al pensiero e con una scusa la portai via da lui.

"Mi allontano un momento e quasi non vieni violentata dal primo che passa?! Sali in macchina ora, rimani a dormire da me, non posso riportarti dai tuoi in queste condizioni"

La struccai, gli misi uno dei miei pigiami e la lasciai dormire nel mio grande lettone a due piazze. Mi ero da poco trasferita in un appartamentino in centro a Londra, avevo appena finito la scuola ed ero ancora in cerca di un lavoro, fortunatamente avendo madre e padre musicista non avevamo mai avuto problemi di soldi. Mi accovacciai sfinita sul divano ripensando ai due ragazzi, Niall, il tipico irlandese biondo occhi azzurri alto e ben messo, mentre Zayn alto, moro, occhi nocciola, pelle scura anch'esso ben messo, uno sgarbato e l'altro gentile, un diavolo e un angelo, uno opposto all'altro.

***

Fui svegliata da un grido proveniente dalla mia camera, mi ricordai di Mia e corsi da lei. La trovai per terra, scoppiai a ridere appena mi accorsi che era semplicemente caduta dal letto. Le preparai la colazione lasciandola riprendere un attimo dalla sbornia. Mi raggiunse e mi abbracciò ringraziandomi per la serata precedente, era la mia migliore amica, era il minimo che potessi fare per lei. Quando fu pronta la riaccompagnai a casa, lei a differenza mia abitava ancora con i genitori. La conosco da anni ormai, è sempre stata una ragazza socievole, basta poco per farsi nuovi amici, al contrario di me, sono veramente timida, troppo.

Zayn's pov

"Svegliati dormiglione!"

Mugugnai contrariato, aprì gli occhi e notai due occhi verdi fissarmi da vicino, sobbalzai tirandogli il cuscino, rise per poi scendere in cucina dagli altri. Mi alzai lentamente sentendo gli effetti del dopo sbornia e rimpiangendo il fatto di essermi ubriacato la sera prima. Mi decisi e scesi dagli altri. Era da due anni ormai che vivevo insieme ai miei 4 migliori amici, eravamo come fratelli ormai. Prese parola Niall:"Allora Zayn, passata la cotta per quella ragazza?" Rabbrividì a quelle parole, ricordandomi cosa fosse successo la sera prima, mi ero comportato malissimo con quella povera vittima di un mio comportamento incontrollato, Niall continuò:"Era davvero una bella ragazza, capelli lunghi e ricci, di un colore tra il castano e il biondo, pelle scura e occhi di un azzurro intenso, naso alla francese e labbra rosee a forma di cuore.."

"Da come ne parli sembra quasi che la cotta te la sia presa tu" ammiccò Louis ridendo.

"Non starai mica p-parlando di Alex.." Sbottò incredulo Harry.

"Alexandra? Si! Ha detto di chiamarsi così, l'hai conosciuta anche te?" Chiese curioso il biondo.

"L'ho conosciuta anni fa a dir la verità.. Siamo stati compagni di liceo per 4 anni!" Disse con fare malinconico.

"Com'è piccolo il mondo ragazzi!" Esclamò Liam per sdrammatizzare.

Non so se per la sbornia o per la gran confusione, ma capii veramente poco di quello che dissero i ragazzi, sta di fatto che dovevo rivedere quella ragazza, anche semplicemente per chiederle scusa.

Alex's pov

Stavo per addentare il mio delizioso panino quando il mio cellulare vibrò, guardai il display aspettandomi il nome di Mia, ma quando lessi quel nome un brivido mi percorse la schiena, non poteva essere lui.. Era da mesi ormai che non lo sentivo, aprì il messaggio.

'Ciao Alex, ti ricordi di me? Ero il tuo compagno di banco preferito, ammettilo! Ti scrivo perché due miei amici mi hanno detto di averti conosciuta ieri sera e vorrebbero rivederti, fammi sapere. Xx'

Ci misi un po' prima di ricordare quei 'due amici' della sera precedente, poi però mi vennero in mente Zayn e Niall, dopotutto cosa poteva succedere di male; accettai e ci demmo appuntamento il pomeriggio stesso davanti al mio ex liceo. Finì il panino, mi feci un lungo bagno rilassante e mi preparai. Non sapevo cosa mettere, era primavera non faceva ne freddo ma neanche troppo caldo, alla fine optai per un jeans a sigaretta scuro con sopra una felpa semplice con dei motivi a forma di farfalla e delle converse bianche, proprio le preferite di Harry, mi vennero a mente tutti i bei momenti passati con lui a scuola, a quando facevamo impazzire la signora Brown, non c'era professoressa più odiosa di lei, a quando balzavamo giorni interi andando in giro per Londra, avevamo fatto tante di quelle cazzate insieme.. Ritornai con i piedi per terra e quando vidi che mancava poco meno di mezz'ora mi truccai leggermente, sciolsi i capelli, presi le chiavi della macchina e raggiunsi Harry e i suoi amici.

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...