I Will Stay


8Likes
32Comments
350Views
AA

3. 3. rissa

Cercai di provare a capire chi potesse essere il mittente, ma nessuno dei ragazzi che avevo pensato fumava, era vietato. Poi sbocciò un dubbio...e se fosse stato Zayn? La mia mente riusciva a leggere solo quel nome. Poi però mi diedi la risposta, di sicuro non lui. Stanca, dopo la lunga giornata mi addormentai.
Mi svegliai sussultando nel pieno della notte dopo aver fatto un incubo,lo stesso che mi tormentava dalla morte di mia madre...
Mi asciugai la fronte sudata con il palmo della mano e mi guardai intorno, impietrii quando vidi una sagoma nell'angolo della camera, non urlai, sarebbe stata la cosa peggiore da fare, così provai ad accendere la luce ma non trovai l'interruttore.
Così presi una decisione tra le più stupide e in appropriate della mia vita forse, rimasi ferma a guardare quella figura accovacciata nell'ombra, finché, senza rendermene conto mi addormentai profondamente. Magari quella nell'angolo era soltanto un ombra. Un qualcosa che si trovava lì. Sognai. Qualcuno stava accanto al mio letto e si chinava curioso su di me. La visione di quel ragazzo nel corridoio che mi scrutava attento con i suoi occhi da cervo e poi andava dalla parte opposta, mi aveva fatta fermare il cuore per un breve istante. Fui svegliata da un raggio di sole che arrivava dalla finestra dritta ai miei occhi.

"Buongiorno Allie!" gridò Nancy saltandomi sul letto

"Hey! Ciao Nessie!"

"Oggi che facciamo? Eh? Eh? Eh?" domandò sempre sul mio letto

"Non lo so...Dai fammi dormire ancora un pochino'' dissi afferrando la coperta facendo in modo da coprire la mia faccia assonnata. Ma la bionda me la tirò via facendo si che i raggi del sole mi colpissero in pieno costringendomi a svegliarmi. Non feci nemmeno in tempo ad alzarmi che qualcuno bussò alla porta. Nessie si alzò ma davanti alla porta non c'era nessuno. Si chinò e tornò verso di me con un biglietto tra le mani.

''Uuuh Allie è per te '' disse facendo la maliziosa.

''Dammi qui quel coso.'' dissi strappandole il piccolo rettangolo dalla mano, c'era scritto 'Non riesco a resisterti, farei tante cose su di te se almeno mi lasciassi il permesso' rimasi di stucco.

''Dai oggi sono in vena di follie'' disse la bionda

''Che genere di follie? Comunque io ci sto''risposi accantonando il pensiero del messaggio

''Vieni'' Nessie mi prese per un braccio e mi trascinò fuori dalla stanza. Il corridoio era deserto. Iniziammo a correre, sembravamo delle bambine perse in un prato colmo di fiori. Girammo l'angolo e vidi Zayn intento a picchiare qualcuno, non riuscii a capire chi fosse finché non notai dei riccioli. Sam.

''Noo!! Cretino lascialo stare!!'' Gridai con tutta me stessa fino a raggiungerlo. Tutte le porte si aprirono e spuntarono tutti quanti fino a formare una piccola platea. Zayn continuava a picchiare e a colpire ripetutamente Sam. Devo ammettere che è davvero wow..."Allie levatelo dalla testa!"pensai scuotendo leggermente il capo. Raggiunsi Sam ormai privo di forze e sporco di quel liquido rossastro che odiavo.

"Smettila!"urlai mettendomi tra i due

Il pugno di Zayn si fermò a pochi centimetri dal mio viso, il suo viso sbiancò, le sue nocche sporche del sangue di Sam brillavano alla luce del neon che ci sovrastava.

Ci guardammo negli occhi a lungo, nuove domande mi assalirono, ma le scacciai velocemente dalla testa e strinsi i pugni per non sbottare contro quel ragazzo che era molto più alto di me nonostante avessimo entrambi 16 anni.

Non so dove trovai tutto quel coraggio. L'adrenalina scorreva veloce nelle mie vene dandomi una sicurezza improvvisa,talmente improvvisa che non mi resi conto di aver appena tirato uno schiaffo sulla guancia di Zayn.

"Andiamo Sam."dicemmo io e Nancy aiutandolo ad alzarsi e a tenersi in piedi mentre andavamo in infermeria.

L'infermiera lo fece mettere su un lettino mentre lei andava a prendere il disinfettante e delle garze per pulire le varie ferite sul viso di Sam.

"Sam perché Zayn ti stava picchiando?"chiesi cercando di tenere un tono di voce calmo,anche se mi era molto difficile

"Beh..credo che fosse perché mi aveva sentito parlare con un mio amico..."rispose

"E di cosa parlavate per farlo infuriare in modo simile?"

"Ehm..di..di te."

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...