Un'amore incantato

Lacie non è una ragazza come tante altre, i genitori sono morti tanto tempo fa e da allora vive in un orfanotrofio. Lacie non ha amici, solo i libri che tanto ama e cerca disperatamente almeno una persona speciale. Ma tutto cambia quando per caso nell'orfanotrofio si parla di una prova di coraggio. Una casa che si dice maledetta...

19Likes
62Comments
1973Views
AA

23. Ricordi pt2

Lacie si ritrovò in un corridoio che si estendeva per chilometri davanti a lei, non capiva il perché, sapeva solo che doveva andare avanti, iniziò a correre a perdi fiato in quel corridoio apparentemente senza via di fuga.

Una luce viola.

Lacie si ritrovò davanti ad una villa circondata da mura ed un giardino immenso.

-Lucy- la chiamò una voce e quando si voltò vide gli occhi grigi di Michele fissarla -Non ti affaticare troppo, ora siamo umani- disse dolcemente sorridendola e dandole un bacio sulla fronte.

Lacie e Lucy arrossirono, Michele le era sempre stato accanto, ed ora aveva una missione importante, proteggere la città dall'attacco dei seguaci di Satana.

Ma Lucy non credeva nella violenza, erano uguali, sia loro che lo schieramento avversario, erano entrambi angeli, chi pieni di luce e chi avvolti nell'oscurità.

Lacie venne avvolta dai pensieri di Lucy, la paura di ciò che la guerra avrebbe potuto provocare, paura di ciò che il combattimento gli avrebbe tolto, gli amici e magari anche la sua stessa vita. Dalla guerra non può nascere che altro odio. Lacie la capiva e si ritrovò a correre nuovamente lungo il corridoio, piangeva e asciugava le lacrime con le mani.

Poi ancora un'altra luce, ma questa volta era verde, di un verde scintillante.

Era a scuola e milioni di persone le passavano attorno facendo finta di non vederla, era sola in quella grande scuola. Camminava in cerca della sua classe, lei e Michele capitarono in classe diverse, ma la sfortuna la fece capitare con Canon che non poteva non farle scherzi di pessimo gusto, come lasciarla sola per la scuola senza una mappa o qualcosa.

Un trio di ragazzine snob accompagnate da Canon ed altri due umani, si avvicinarono a lei, e quella che sembrava la capogruppo la spinse, facendola schiantare contro un ragazzo che la prese per le spalle.

Lucy alzò la testa incontrando due occhi tra l'ambrato ed il marrone, con perfetti ricci color nocciola. La ragazza ne rimase incantanta, Lacie la capiva, anche lei ammetteva a sé stessa che era attratta da Oliver, ma non lo avrebbe mai amato. Lucy invece era completamente persa nei suoi occhi es il cuore le batteva a mille, si rimise in piedi, non sapeva quanto tempo era stata incantata a guardarlo.

Lui le sorrise, si chinò a raccoglierle il foglio caduto a terra e lo guardò.

-Lucy Heartfalia, stiamo nella dtessa classe- disse sorridendole, il ragazzo senza nome sorrideva molto ed era bellissimo -Ah non mi sono presentato, io sono Lucas, Lucas Crosfire- le scompigliò i lunghi e lisci capelli neri -Quella di prima era Ambra, stai attenta a lei, è una tipa pericolosa- la campanella suonò ed un'onda di ragazzi si stava dirigendo in classe. Lucas si gurdò intorno, leggermente arrossì e prendendola per la mano la stava trasportando nella loro classe.

Le spinte che la gente lasciava erano forti e più di una volta lui, tirandola a sé l'aveva salvata. Lacie rimase senza parole dalla sua dolcezza, era come nei suoi ricordi da bambina, ora però non era così, era più freddo e spesso la feriva.

Erano davanti all'aula, il corridoio ora era vuoto, lui la guardò per poi mimarle “per qualsiasi cosa conta su di me” ed entrò, la dolcezza parve svanire, diventando una maschera di freddezza e strafottenza.

Lacie rimase paralizzata quanto Lucy, nessuna delle due si aspettava un cambio del genere in quel ragazzo. Con lei e solo con lei era stato così dolce e a guardarlo ora era il bullo della classe.

Stava correndo nuovamente lungo il corridoio, aveva il viso in fiamme e il cuore le batteva a mille, Oliver le faceva quell'effetto e lei lo sapeva, nella sua vita precedente lo aveva amato ed in questa della semplice Lacie era stato il suo primo amore. La ragazza continuava a correre nella speranza di arrivare alla fine di questi ricordi voleva sapere ancora, sempre di più.

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...