Abbie Allison Styles ღ

  • by
  • Rating:
  • Published: 23 Dec 2013
  • Updated: 18 Apr 2015
  • Status: Complete
«Vuoi saperlo davvero?» Annuii decisa. «Vuoi sapere perchè in questi anni sono stato così lontano da te?» «S-si..» «Vuoi sapere perchè ti trattavo male, i miei sbalzi d'umore?» «Si...si!» Sospirò. «Speravo questo momento non arrivasse mai..» farneticò. «Cosa..quale momento?» «In cui ti dicevo tutta la verità..» -------------------------------------------- Zayn Jawadd Malik, un ragazzo cupo e solitario. La sua vita è cambiata nel corso degli ultimi anni, si comporta male con tutti, persino con i suoi amici. Ma c'è un motivo per il suo improvviso cambiamento? Egli nasconde un terribile segreto che però non rivela in giro. Perchè Zayn non ha bisogno di nessuno, neanche di colei che gli ha segretamente rubato il cuore. O almeno lei così crede. Riuscirà una turbolenta vacanza in California a calmare le acque? Troverà Zayn la pace? Riuscirà a fidarsi della sorella del suo migliore amico?

78Likes
447Comments
60519Views
AA

4. 4.Capitolo Quattro

                                                                   4.Capitolo Quattro
 

Abbie's Pov

Okay dovevo mettere bene in chiaro le cose:

 

1. Mi salutava con aria indifferente,

2.Mi guardava di continuo,

3.Mi rispondeva male,

4.Mi sorrideva, 

5.Faceva finta che io non esistessi,

6.Voleva aiutarmi?

 

E poi saremo noi quelle complicate?!

Il suo comportamento mi stava dando parecchio sui nervi tanto che scoppiai.

 

-Cosa cazzo hai da guardare Malik?!- sbottai irritata, ma pur sempre mantenendo la calma

Vidi che barcollava, come se non si aspettasse una reazione del genere...indugiò per qualche secondo poi mi rispose

-Cosa cazzo vuoi tu Styles! Cosa c'è, ti sono venute le tue cose?- urlò venendomi incontro

In un attimo partii la mia mano dritta al suo bel faccino, ma la bloccò un secondo prima che si posasse sulla sua guancia.

-Sei.un.cretino! Finiscila!- gli ordinai

-Di fare cosa?- mi chiese calmandosi

-Di darmi fastidio!-

 

Ci fu un attimo di pausa..

 

-Vabene....vabene, da oggi in poi farò finta che non esisti.- conluse arrabbiato andandosene in salotto

-Come se cambiasse qualcosa!- alzai il tono di voce, ma face finta di non sentire.

Roba da non credere, non solo ogni giorno faceva finta che non esistessi , ma in più si arrabbiava dicendomi che per lui non sarei più esistita, sembrava uno scioglilingua. Davvero non riuscivo a capirlo, un momento prima era indifferente, scortese e antipatico...l'attimo dopo era sorridente, dolce e gentile. Non erano mica due Zayn Malik che ogni giorno si scambiavano i ruoli e a me, sfortunatamente, capitava sempre quello sbagliato? Le ipotesi erano infinite ma la realtà, purtroppo una sola..

Iniziai a mangiare il mio panino poi chiamai subito Cleo al telefono, le raccontai tutto e lei mi ascoltava senza dire una parola. Potevo giurare che aveva una faccia scioccata, insomma Zayn Malik, uno tra i più belli della scuola, il sogno proibito di molte ragazze... scortese e antipatico? No non poteva essere lui, affatto.

-Non ci credevo neanche io fino a qualche giorno fa- le spiegai

-Ma allora, perchè a volte ti sorride? Perchè a scuola non ti stacca gli occhi di dosso?- domandò

-E' quello che mi chied....un momento....davvero?- chiesi confusa

-Tutte le volte che ne ha l'occasione!- affermò

-Wow- ero ironica -'vabene allora da oggi in poi mi farò finta che tu non esisti'- imitai le sue parole -Come se ogni giorno non fa finta che io non esistessi- sbuffai

-Capisco....ma...a te piace?- disse un po' imbarazzata

 

Pausa

 

-Sei impazzita? No certo che no.- risposi sicura -E' anche un amico di Harry e..-

-A te piace? Indipendentemente se sia il miglior amico di tuo fratello.- domandò di nuovo

-...no..ovvio che no.- le risposi -Cleo devo andare, ci vediamo domani...e non darmi buca mai più!- Le dissi facendola ridere, poi scesi di sotto.

 

-Resti a mangiare qui Zayn?- domandò mio padre al moro

-Oh nono grazie signor Styles, stavo andando via in questo momento- gli rispose gentilmente

A quanto pare Malik aveva problemi solo con me.

Salutò Harry con un cinque poi prima di chiudere la porta alle sue spalle, si voltò verso di me guardandomi intensamente, aveva uno sguardo cupo non riuscivo davvero a capire cosa volesse trasmettermi. Dopo un bel po' finalmente chiuse la porta ed io non feci altro che tirare un sospiro di sollievo..

 

.....

 

La sveglia suonò puntuale, come al solito. 

Mi alzai a malincuore e scesi di sotto a fare colazione.

-Buongiorno.- disse mia madre appena mi vide entrare in cucina, ma io non le risposi.

-Abbie?- mi richiamò

-Che c'è?!- risposi un po' arrabbiata

-Tu devi capirmi. Non è mai successa una cosa simile, sia tu che Harry vi siete sempre comportati bene, io e tuo padre abbiamo sempre fatto di tutto pur di educarvi al meglio...e quando mi è giunta quella telefonata....mi sono sentita..presa in giro, non sapevo cosa dire in quel momento.-

-Lo so mamma, non preoccuparti...ho sbagliato, io non volevo farlo davvero- le corsi incontro abbracciandola

-Mi prometti che qualsiasi cosa succeda ne parlerai con me?- mi domandò speranzosa

Annuii 

-Bhe si sta facendo tardi, vado a prepararmi.-

Mentre salivo le scale entrò Cleo.

-Cosa?! Ma cosa ci fai ancora in pigiama?! Muoviti lumaca!- mi rimproverò quest'ultima

-Un momento, un momento!- urlai

Mi preparai velocemente poi, aspettato anche Harry, ci dirigemmo verso la West High School..

Lì ci fermammo al gruppo di mio fratello, c'erano proprio tutti compreso Zayn, che però..come previsto, non mi salutò, ma a me non importava più di tanto.

-Niall, pronto per il compito di scienze?- chiesi al biondino

-Mhm gara a chi prende il voto più alto?- mi sfidò

-Ci sto.- accettai, non potevo perdere visto che ero specializzata in quella materia

-Ehi calmi, in questo compito dovete aiutarmi, non so un emerito cazzo!- s'intromise Cleo.

-Dove hai imparato queste parole?- le chiese Harry

-Sai, stare ventiquattro ore su ventiquattro con tua sorella s'imparano parecchie cose- disse facendomi un'occhiolino

Dall'altro lato vidi Zayn sbuffare..

-Hai qualche problema Malik?!- dissi incrociando le braccia

Quest'ultimo mi guardò strafottente

-Ma che cazzo vuoi da me!?- sbottò alzando la voce

-Zayn! Modera i termini con mia sorella!- pronunciò Harry guardandolo male

-E' lei che dovrebbe imparare a farsi i cazzi suoi.- rispose guardandomi negli occhi

Vidi Harry avvicinarsi a lui ma lo fermai..

-Calma Harry. Malik, ripeterò la domanda...hai qualche problema?!- gli chiesi mantenendo la calma, altrimenti l'avrei già preso a schiaffi

-Si...sei tu il problema!- detto questo se ne andò

Rimasi scioccata e non solo io. Tutti lo guardavano allontanarsi, mi voltai verso di loro ed Harry mi guardò in silenzio.

-Piccola ma cosa sta succedendo?- mi domandò quest'ultimo dopo un po'.

-Non ne ho idea- mentii facendo segno a Cleo di non raccontare nulla

E così, dopo un'ultima chiacchierata andammo ognuno nelle rispettive classi...

 

 

 

Zays's Pov

Certo che avevo un problema...era lei il mio problema! Andai in classe dove dopo un po' mi raggiunse Harry. 

-Zayn?- mi chiamò

Non risposi, in quel momento il mio banco era diventato piuttosto attraente.

-Zayn! Ma si può sapere che hai?- domandò ancora, ma senza risposta.

Fu interrotto dal mio odiato professore, che ci aveva preso ormai gusto a mandarmi dal preside ma se mi beccavo un'altra insufficienza..a Maggio..rischiavo l'anno.

La lezione iniziò, il professore iniziò a spiegare ed io come al solito avevo ben altro a cui pensare. Essì pensavo ad Abbie, a tutto quello che era successo.

 

 

"-Sei.un.cretino! Finiscila! > mi ordinò

-Di fare cosa?- gli chiesi calmandomi

-Di darmi fastidio!-"

 

 

Quella frase...ci ero rimasto davvero male. Io non le davo alcun fastidio, anzi non volevo farlo! E se capitava avevo un buon motivo..

 

-Malik!- una voce mi riportò sulla terra

-Vedo che è di nuovo distratto, sa che se la mando di nuovo dal preside rischierà l'anno?- mi chiese il prof Smith

-NON ME NE FREGA UN CAZZO DI QUELLO CHE PENSA LEI PROFESSOR SMITH, NON ME NE FREGA UN CAZZO SE RISCHIERO' L'ANNO..QUESTO NON E' UN BUON MOMENTO QUINDI LA SMETTA E MI LASCI IN PACE!- urlai alzandomi

-Malik, dopo l'aspetto nel mio ufficio.- disse calmo

Oramai non m'importava di niente, vidi Harry guardarmi allibito...le parole del professor Smith non significavano nulla per me, in quel momento volevo solamente andare via!

 

[...]

 

-V-voleva vedermi signor Smith?- entrai lentamente nel suo ufficio

-Ah Malik, giusto in tempo...credevo non arrivasse più, si sieda.- disse gentilmente

-Come? Non è intenzionato a mandarmi dal preside?- domandai scioccato

-Veda signor Malik, lei è sempre stato uno studente modello, con voti sempre oltre le aspettative. Ma da quando è iniziato quest'anno scolastico l'ho vista sempre per conto suo, come se vivesse su un'altro pianeta, come se fosse in guerra con se stesso...poi la sua...risposta se vogliamo chiamarla così- disse ridendo  -di oggi...bhe quella è stata la risposta a tutti i miei dubbi...c'è qualcosa che non va giusto?- mi domandò guardandomi dritto negli occhi.

Ma che razza di professore era quello?!

-S-si esatto..- sussurrai 

-Lo sapevo!- i suoi occhi s'illuminarono -Vede io non sono solamente un professore ma anche uno psicologo, se c'è qualcosa che non va, può certamente rivolgersi a me...sarò sempre lieto di aiutarla- mi sorrise

-Allora ha detto che questo non è un buon momento..racconti- enunciò sistemandosi gli occhiali 

-Bhe...vede..ehm...io...non so da dove cominciare- farfugliai confuso passandomi una mano tra i capelli

-Mi dica quello che pensa, chissà forse potrei darle dei consigli utili- rispose

-Allora..io ho...diciamo..litigato c-con una persona...- dissi

-Mhm e questa persona è così potente da mandarla in confusione?- domandò

-Bhe...veramente è...la sorella del mio migliore amico.- affermai

-Oh allora c'è del tenero..- disse facendo gli occhi a cuoricino

Ma che razza di psicologo?!

-Cosa? No...io d-devo solo dimenticarla.- dissi triste

-E perchè mai? Se questa persona la rende felice non vedo quale sia il motiv..-

-Devo dimenticarla e basta, non ci sono spiegazioni..- lo interruppi deciso

-Capisco! E...quale sarebbe il problema allora? Perchè non la dimentica e basta?-

-Non posso!- alzai il tono di voce -Non ci riesco..- confessai con le lacrime agli occhi..

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...