Abbie Allison Styles ღ

  • by
  • Rating:
  • Published: 23 Dec 2013
  • Updated: 18 Apr 2015
  • Status: Complete
«Vuoi saperlo davvero?» Annuii decisa. «Vuoi sapere perchè in questi anni sono stato così lontano da te?» «S-si..» «Vuoi sapere perchè ti trattavo male, i miei sbalzi d'umore?» «Si...si!» Sospirò. «Speravo questo momento non arrivasse mai..» farneticò. «Cosa..quale momento?» «In cui ti dicevo tutta la verità..» -------------------------------------------- Zayn Jawadd Malik, un ragazzo cupo e solitario. La sua vita è cambiata nel corso degli ultimi anni, si comporta male con tutti, persino con i suoi amici. Ma c'è un motivo per il suo improvviso cambiamento? Egli nasconde un terribile segreto che però non rivela in giro. Perchè Zayn non ha bisogno di nessuno, neanche di colei che gli ha segretamente rubato il cuore. O almeno lei così crede. Riuscirà una turbolenta vacanza in California a calmare le acque? Troverà Zayn la pace? Riuscirà a fidarsi della sorella del suo migliore amico?

78Likes
447Comments
60472Views
AA

38. 38.Capitolo Trentotto

                                  38.Capitolo Trentotto

Abbie's Pov
Mi veniva da dire solo una parola: Perchè!
Perchè aveva scelto lei?
Perchè diceva che per lui ero importante?
Perchè ogni volta che mi vedeva correva da me?
Perchè mi abbracciava?
Perchè mi guardava felice?
Perchè a me?
Perchè faceva tutto questo se poi la realtà era un'altra?
In quel preciso momento anche un'irrisolvibile, matematico problema di geometria sarebbe stato più semplice..perchè io non ci stavo capendo più nulla!
Non sapevo come comportarmi con lui. 
Non sapevo quale fosse il mio posto.
Non sapevo nulla.
Tutto era diventato estraneo per me, persino lui..
E dovevo accettarlo, anche contro la mia volontà..
-E' permesso?- una voce chiara e sottile mi distolse da tutti quei problemi facendomi rivolgere lo sguardo verso la porta. Abbassai lentamente il capo su e giù, mentre quel biondino intimorito entrò senza fare il minimo rumore.
-Mi dispiace..- aveva già intuito ogni cosa, sapeva già tutto...ma alla fine, chi non aveva ancora capito che ero innamorata del moro?
-Credevo....credevo di interessargli..a-almeno un po'.- enunciai con occhi lucidi, se fosse andato avanti così sarei scoppiata di nuovo a piangere come una fontana.
Niall mi accarezzò il volto spostando i capelli dietro l'orecchio, si appoggiò sul letto facendomi segno di andare accanto a lui.
-Non..non ho voglia adesso, se mi sdraio ripenso a tutto quello che è successo, se chiudo gli occhi immagino tutto quello che è successo..-
-Se invece ti addormentassi?- ridacchiò.
-Sogno tutto quello che è successo..-
-Vuoi uscire un po'?- domandò arreso.
-A quest'ora?- 
-Ehi qui fuori c'è un bel giardino sai?-
-Nha..-
-Ti farebbe bene un po' d'aria..- continuò.
Sospirai, era davvero una situazione difficile.
-Perchè non parliamo d'altro?-
-Vabene, quanto hai preso in arte?-
-Niall!-
-Hahahah ero curioso scusa..- pronunciò facendomi sedere sulle sue gambe.
-Sono davvero così brutta?- chiesi mentre il biondino allacciò le braccia intorno alla vita.
-Uff, sapevo che non parlavi d'altro!- mi rimproverò.
-Scusa..- abbassai il capo.
-Adesso ti stai facendo condizionare troppo. Ti stai facendo mettere i piedi in testa da lei, stai facendo scendere la tua autostima sotto lo zero...solo perchè 'si sono messi insieme'- disse con aria disgustata -Sono sicuro che Zayn non l'ha fatto perchè le piace, c'è qualcos'altro sotto.-
-Non hai idea di quanta voglia ho di abbracciarlo..- strinsi le mani attorno le braccia, cercando di ricordare il suo calore quando mi richiudeva a se.
-Posso immaginare..- mi schioccò un bacio sulla guancia -perchè non vai da lui?-
Quella semplice domanda mi fece salire brividi lungo la schiena.
-Co-cosa dovrei fare?- chiesi con timore.
-Niente! Vai nella sua stanza e lo avvolgi nelle tue braccia, così inaspettatamente...senza pensare ad altro.- sorrise facendomi alzare.
-No, nono...è fidanzato..- farfugliai
-Oh smettila! Bhe anche se fosse, se un ragazzo è fidanzato non può abbracciare una sua amica?-
-Ma io non sono sua amica Niall! Sappiamo entrambi che non è quel che voglio.-
Il biondino sbuffò mentre io, ancora in piedi, uscii dalla mia stanza.
-Torno subito.- avvisai Niall.
Andai verso la camera di Louis, avevo bisogno di lui in quel momento, non che gli altri non fossero all'altezza, ma in quel periodo mi era stato accanto come nessun altro...e diciamo che...mi ero un po' affezionata...come amico, non fraintendete.
Bussai e nello stesso momento aprii la porta, visto che non era chiusa.
-Louis potresti ven...- mi bloccai di colpo vedendo il moro seduto sul suo letto e Louis di fronte con le mani sulle sue braccia...sembrava lo stesso spronando a fare qualcosa.
-Oh...s-scusate..- stavo per richiudere la porta ma una voce mi fermò.
-Abbie! Rimani qui..- era Louis.
-N-no..no, voi state..-
-Non disturbi affatto..- sorrise invitandomi a restare.
-Louis, devo....devo andare..-
Zayn aveva lo sguardo fisso su di me, non lo distoglieva un attimo. Sarei tanto voluta corrergli incontro e risentirlo tra le mie braccia.
-Dopo sono da te.- ammiccò ed io chiusi la porta velocemente.
Ritornai da Niall che intanto ascoltava musica dal mio mp3.
-Allora? L'hai fatto?- pronunciò togliendo una cuffia.
-Cosa? No no...ero solo andata...cosa stavi ascoltando?- cambiai discorso sdraiandomi accanto a lui.
-Indovina.- 
-Mhm...sorriso splendente, occhi innamorati...Justin?- risi.
-Imbrogliona..- si lamentò.
-Hahaha dammene una.-
Ci sdraiammo entrambi l'uno accanto all'altro, Niall aveva una mano sulla mia spalla.
-La musica è la miglior medicina..- sussurrai al biondo.
-Hai ragione...poi se c'è Bieber guarisci da tutto.- enunciò facendomi sorridere.
-Ognuno ha i suoi gusti Niall.-
-Vuoi dire che odi Justin?!- sussultò
-Non ho detto questo..-
-Si invece!-
-Niall..-
-Dì che Justin è il migliore!- mi ordinò 
-Niall..-
-Dillo!-
-Hahaha Justin è il migliore!-
-Bene..-
-Rimanila.- lo fermai visto che era pronto a cambiar canzone.
-Uhm..-
-Questa canzone è il massimo...- mi guardò male -dopo Bieber..- ridacchiai.
Era quella di Katy perry...adoravo anche lei, aveva una voce così forte e sicura..come se infondesse tanto coraggio.
-Tu sei come una tigre..- enunciò Niall
-Una tigre?- mormorai confusa.
-Si, sei bellissima, forte, stupenda e...-
-Ma nessuno ha il coraggio di avvicinarsi..- lo interruppi
-Che strano...eppure eccomi qui!-
Abbassai lo sguardo sulle mie mani fredde, cercai di riscaldarle ponendole sotto le coperte. Che strano eppure faceva tanto caldo.
-Vado a prenderti qualcosa da bere?- chiese attirando la mia attenzione.
-Era proprio quello che pensavo..- risi mentre il biondino si alzò.
-Torno subito.-
Rimasi sdraiata sul letto. Era impossibile non ripensare a lui...tutto mi ricordava Zayn, anche il semplice profumo che si rincontrava nell'aria.
Dopo qualche minuto bussarono alla porta, era Louis...sicuramente.
Mi alzai aprendola velocemente, stavo per abbracciarlo quando mi accorsi che non era nè il castano, nè il biondino, nè mio fratello, nè Liam..
Ma qualcun aveva pur bussato.
Mi fermai notando Zayn, con lo sguardo fisso al pavimento con una mano appoggiata allo stipite della porta, stavo per abbracciarlo lo stesso, ma riuscii a controllarmi richiudendo di nuovo la porta.
Troppo tardi, la bloccò con un piede entrando e chiudendola a chiave.
Il cuore mi batteva a mille, solo il suono di quella chiave girata nella serratura mi fece trasalire, non aveva nulla da dirmi...perchè era lì?
Avanzai verso la finestra fissando il panorama, Niall aveva ragione era qualcosa di eccezionale...ma tutto in quel momento era fantastico, purchè mi distraesse da lui.
Sbirciai dal vetro trasparente cosa stesse facendo e la risposta era sempre la stessa...mi fissava ma restando in silenzio.
A dir la verità mi stancai davvero, tanto che mi voltai raccogliendo tutto il mio coraggio e lo guardai negli occhi.
-Che c'è?- incrociai le braccia.
Nulla.
-Abbie! Perchè la porta è chiusa?- bussò Louis spaventato.
-Tranquillo sto bene..-
-Ma Zayn è lì con te?- continuò 
-Si..sono qui!- ecco che per la prima volta rispose.
-Ah...bhe a domani.-
Mi guardai intorno ansiosa, non sapevo che fare. Mi sedetti ai piedi dei letto mentre il moro era sempre immobile davanti a me.
-Volevo solo spiegarti quello che sta succedendo..- iniziò a parlare.
-Ohoh lo so benissimo cosa sta succedendo..- mi guardò confuso -NON DIRMI CHE SONO IMPORTANTE, QUANDO POI STAI BENISSIMO SENZA DI ME!- urlai con gli occhi lucidi.
-Abbie..-
-No Abbie nulla! Tutte quelle parole, tutte quelle promesse..'senza di te la mia vita non vale nulla, non ti lascerò mai sola' tutte cazzate! C'è stata almeno una volta in cui eri sincero? Dimmelo perchè devo saperlo, anzi ho il diritto di saperlo! Per tutto questo tempo mi sono legata a te, per tutto questo tempo ti ho dato tutto, attenzioni che non rivolgo a chiunque facilmente, per tutto questo tempo...sono annegata nelle tue bugie...-
-Non erano bugie io...- si avvicinò ma mi alzai scostandolo.
-Sai? La verità è che tutto questo è capitato così all'improvviso. Non mi sono alzata la mattina ed ho deciso di affezionarmi a te, non ho scelto io tutto questo ed adesso capisco che per te non deve essere stata una gran cosa. Perciò ti chiedo scusa, se per tutto questo tempo sono stata solo un peso, ti chiedo scusa se hai dovuto fare promesse inutilmente, ti chiedo scusa se mi sono inn...-
-Basta!- solo dopo avermi interrotto si accorse della parola che stavo portando a termine, nei suoi occi vidi un po' di dispiacere, ma dopo tutto quello che aveva fatto...di dispiacere me ne stava procurando ben troppo.
Mi prese il viso tra le mani, mentre io non riuscii più a controllarmi. Iniziarono a cader giù delle lacrime, in quel preciso momento, anche se forse ero arrabbiata con lui, anche se non gliene fregava nulla...mi ricordai del male che gli facevo quando mi vedeva piangere, spostai la testa di lato cercando di non guardarlo, ma Zayn la girava sempre nella sua direzione, costringendomi invece.
-Come fai a comportarti....come se non provassi nulla? C-come se non t'importasse....di nulla..- riuscii a malapena a dire -I-io non ci riesco, io...sento qualcosa.-
-Non devi affatto pensare quelle cose, io...tu non sei stata un peso, tu...-
-Io cosa Zayn?- tolsi le mani dal mio viso.
-Io non posso..-
-Cosa..cosa non puoi?-
Scosse la testa allontanandosi..
-Con lei puoi?- pronunciai mentre l'ennesima lacrima mi rigò il viso.
Non rispose, aprì la porta e velocemente andò via.
Ed ancora una volta mi buttai sul letto piangendo, poi stanca mi addormentai.

[...]

Anche quella mattina mi svegliai con le guance bagnate...l'avevo sognato, nei sogni era tutto più semplice della realtà, non poteva mai andare nulla storto perchè la protagonista eri tu e non gli altri. Mi alzai posando i gomiti sulle ginocchia. Non era possibile dimenticare giorni, forse mesi di esperienze. Mesi in cui eravamo come perfetti fidanzati, sguardi dolci, abbracci, carezze..
Forse per lui non significavano niente, ma per me...
-Pronta per andare a mare?- entrò Louis euforico mentre mi faceva il solletico.
-Hahaha se non ho altra scelta.-
Il castano sospirò sedendosi accanto a me, mi avvolse tra le sue braccia...mi erano mancate.
-Io sono sempre qui...ricordalo!-
-E' per questo che ieri sono venuta a cercarti..-
-Sentivi la mia mancanza?- gli occhi gli si illuminarono.
-Un pochino..- risi guardando la sua espressione.
-Che carina..- enunciò provocandomi una risata -Andiamo va a prepararti!-
E così fu. Scesi dal letto prendendo un costume dall'armadio, poi andai in bagno lavandomi la faccia, avevo un gran bisogno di svegliarmi. Misi il costume con sopra dei semplici pantaloncini e canotta, poi ritornai da Louis che mi aspettava in camera mia.
-Sembro una depressa..- indicai la mia faccia senza trucco.
-Perchè non è così forse?- rise 
-Grazie Lou mi sento già meglio.- ironizzai.
-Hahaha avanti sto scherzando, sei bellissima.-
Mise un braccio attorno la mia spalle ed entrambi scendemmo di sotto, dove i ragazzi....e April ci stavano aspettando.
-Cosa ci fa lei qui?- chiesi a Louis sottovoce.
-Non ne ho idea..-
-Non dirmi che verrà con noi?!-
-Sta con Zayn, Abbie. Non posso decidere io..- alzò le spalle.
-Non rispondermi così.-
-Scusa.- mi abbracciò.
-Era ora!- mormorò quella pazza.
-Potevi anche iniziare a portare quelle zampe in spiaggia se ti seccava rimanere qui ad aspettare.- 
A dir la verità, mi uscì dal cuore.
Louis e Niall mi guardarono ridendo mentre April irritata prese Zayn per mano ed insieme andarono via.
Ritornai nuovamente triste vedendo le loro mani intrecciate, li seguii con gli occhi finchè non scomparvero dietro la porta.
-Vabene, April non ti è simpatica.- Harry mi schioccò un bacio sulla guancia sorridente.
-Praticamente la odio, se avessi un enorme camion la investirei senza fare troppe storie, se stesse morendo disidratata berrei tutta l'acqua del mondo fino a scoppiare e se..-
-Ho capito..- mi sorrise.
-Perchè a te sta simpatica?- sbuffai disgustata.
-Io sono del parere che è la ragazza del mio migliore amico, se a lui va bene, va bene anche a me..- ammiccò prendendo le borse.
-Però non la penseresti sempre così..- sussurrai.
-Cosa?-
-Eh? Nulla..- presi Louis per mano poi andammo in spiaggia.
La giornata passò lentamente, la mancanza di Zayn si sentiva..anche se si trovava a pochi centimetri da me, era come se fosse assente. Rivolgeva tutte le sue attenzioni a quella ragazza, tutti gli sguardi, tutti i sorrisi..lei in cambio rimaneva a guardarlo, non apprezzava veramente tutti quei valori..
Quando rivolgeva a me le sue attenzioni, mi sentivo una principessa, mi sentivo curata, protetta, amata! Cosa che non faceva April, non riusciva davvero a comprendere ad rendersi conto del ragazzo che aveva difonte. Non poteva capirlo neanche lontanamente.
Passai le ore a scherzare con Louis, Niall, Harry o anche Liam....mentre quei due erano sempre soli, Zayn più lontano, lontano da me.
Stavo davvero male, non riuscivo a non guardarli, non riuscivo a fare nulla. I sorrisi finti si stavano esaurendo, dando spazio alla delusione, al dolore.
Tornammo a casa, i due si salutarono poi il moro era di nuovo dei nostri...
Era in cucina, mentre si preparava un panino..io ero sul divano in salotto, immobile senza dire una parola, fissavo il vuoto, mi ci persi per qualche minuto.
-Andiamo, non penserai ancora a lui vero?- arrivò Louis
-Quando mai ho smesso un istante Lou? Stamattina mi sentivo uno straccio...non ce la faccio, sto malissimo senza di lui..-
-Ma tu...devi distrarti, non devi pensarci, devi dimenticarlo!-
-Ma dimenticare chi? Zayn? Lui che con un sorriso mi tirava su di morale, che illuminava le mie giornate, che mi faceva sentire subito meglio il solo pensiero? Andiamo come potrei dimenticarlo? Devo solo andare avanti con la mia vita tutto qui, ma dimenticarlo...pff no..è sbagliato. Non posso dimenticare una persona per la quale avrei dato la vita, per la quale avrei fatto pazzie, rimarrà sempre qui...per sempre! Forse un giorno quando sentirà il mio nome gli spunterà un sorriso, forse farà lo stesso effetto anche a me, prenderemo strade diverse, gli verrò a mente quando starà prendendo un caffè con sua moglie, quando giocherà con i suoi figli, penserà a tutto quello che abbiamo passato e forse un po' gli mancherò, dopotutto sono stati bei momenti..ma no..non potrei mai dimenticarmi di lui!-

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...