Abbie Allison Styles ღ

  • by
  • Rating:
  • Published: 23 Dec 2013
  • Updated: 18 Apr 2015
  • Status: Complete
«Vuoi saperlo davvero?» Annuii decisa. «Vuoi sapere perchè in questi anni sono stato così lontano da te?» «S-si..» «Vuoi sapere perchè ti trattavo male, i miei sbalzi d'umore?» «Si...si!» Sospirò. «Speravo questo momento non arrivasse mai..» farneticò. «Cosa..quale momento?» «In cui ti dicevo tutta la verità..» -------------------------------------------- Zayn Jawadd Malik, un ragazzo cupo e solitario. La sua vita è cambiata nel corso degli ultimi anni, si comporta male con tutti, persino con i suoi amici. Ma c'è un motivo per il suo improvviso cambiamento? Egli nasconde un terribile segreto che però non rivela in giro. Perchè Zayn non ha bisogno di nessuno, neanche di colei che gli ha segretamente rubato il cuore. O almeno lei così crede. Riuscirà una turbolenta vacanza in California a calmare le acque? Troverà Zayn la pace? Riuscirà a fidarsi della sorella del suo migliore amico?

78Likes
447Comments
60508Views
AA

34. 34.capitolo Trentaquattro

                          34.Capitolo Trentaquattro


Appena vidi il suo nome, posai nuovamente il cellulare sul comodino...se avesse voluto dirmi qualcosa avrebbe dovuto dirmelo in faccia.
Chiusi gli occhi beandomi del calore del mio letto e dal dolce suono del sonno che lentamente si impossessava del mio corpo.
Poi ecco che il mio telefono vibrò nuovamente facendo tremare tutto il comodino, così una volta e per tutte aprii quei maledetti messaggi.

Il primo diceva:
'Vieni?'
Il secondo diceva:
'Ti prego..'

Sospirai alzandomi a malvoglia, lentamente accesi la luce dirigendomi in camera sua.
Aprii la porta trovandolo disteso sul letto ad occhi chiusi con il cellulare tra le mani, forse aspettava mie risposte.
Mi guardai intorno aspettando che si sarebbe svegliato, poi però lo feci direttamente io visto che morivo di sonno.
-Cosa vuoi?- chiesi ancora accanto la porta.
Aprì gli occhi spostandosi al lato del letto e battendo con una mano su di esso.
-Ho sonno Zayn..- si alzò prendendomi per i polsi trascinandomi verso di lui.
-Ah..- gemetti lasciando la sua presa accarezzandoli leggermente.
Mi prese direttamente in braccio portandomi sul suo letto. Mi sdraiò lentamente appoggiando la testa sul mio petto cingendo la mia vita con il suo braccio. Si rannicchiò completamente su di me...era ancora in silenzio.
Sembrava un cagnolino che quando fa qualcosa di sbagliato riempie di coccole il suo padrone per non peggiorare le cose ma soprattutto per farsi perdonare. 
Sorrisi colta di sorpresa per poi iniziai a massaggiare i suoi capelli appoggiando una mano sulla sua spalla, lui mi guardò alzando il capo e facendomi il sorriso più bello del mondo mi accarezzò il viso.
Poi prese i miei polsi scrutandoli attentamente, li portò alle sue labbra lasciandoci piccoli baci...provavo un po' di dolore ma le sue labbra soffici ben presto lo fecero sparire del tutto.
-Nessuno deve permettersi di toccarti..- sussurrò a denti stretti -appena ma l'hai detto mi sono sentito una nullità, hanno messo a dura prova i miei nervi, stavo già per correre lì fuori ed ucciderli tutti.- continuò accarezzandoli facendo attenzione.
Sospirai ripensando a tutto quello che aveva detto precedentemente...non dovevo cedere ancora.
-Eppure non sembrava così..- m'intromisi facendogli alzare il capo di scatto, facendogli capire che se pure ero stata aggredita, sembrava che non gliene fosse fregato nulla.
-Io...non deve accaderti niente Abbie!- cercò di giustificarsi ma senza risultato.
-....pff c'era pure sempre il mio 'amichetto' Andy.- lo imitai scostandolo e cercando di alzarmi.
Ma mi fermò, alzandosi sulle ginocchia e mettendosi dietro di me.
-No!- allacciò le braccia intorno alla mia vita -ero arrabbiato in quel momento, non lo pens...-
-Smettila!- mi dimenai cercando di andar via.
-No piantala tu!- mi bloccò nuovamente poggiando il mento sulla mia spalla -rimani qui...- chiese sul mio collo.
-....devo andare a dormire Zayn..- riuscì a liberarmi dalla sua forte presa ma mi afferrò di nuovo.
-Dormi con me...- enunciò subito.
-Non...non posso..- quella volta mi sciolsi dalle sue braccia definitivamente e corsi in camera mia sbattendo la porta.
Mi misi nel mio letto, sotto le coperte. C'era un motivo per cui l'avevo respinto?
C'era una ragione per la quale mi sentivo male, per la quale soffrivo....mi sentivo tradita in un certo senso, da parte sua. Anche perchè succedeva sempre in mia assenza.
Iniziai a piangere impregnando anche il cuscino, avevo bisogno di qualcuno..ma io non volevo qualcuno qualsiasi, io volevo lui! Ma sapevo che non potevo fidarmi....e faceva male!
Sentii la porta aprirsi e mi fermai di scatto. Avevo paura che fosse uno dei ragazzi o peggio mio fratello. Quel qualcuno non emise una parola, anzi avanzò verso il mio letto mettendosi sotto le coperte. Mi irrigidii di colpo poi appoggiò una mano sul mio fianco...quella mano!
-Perchè sei arrabbiata?- chiese con un po' di distanza.
-Chi...ti dice che sono arrabbiata?- provai a fingere di stare bene ma risultava un po' difficile.
-Di solito quando sei arrabbiata sbatti la porta..- sorrise.
Vabene come faceva a saperlo? Lo sapeva solo Harry e sicuramente non andava a raccontarlo a Zayn.
-N-no..- un singhiozzo uscì dalle mie labbra destando sospetto.
-Perchè piangi? Ti prego, mi fa male vederti così.- chiese stringendomi da dietro.
Non risposi, mi stavo beando del suo calore, di tutte quelle sensazioni che provavo stando tra le sue braccia.
-Perchè mi respingi quando stai male senza di me?- domandò ancora stringendomi sempre di più.
-T..t-ti sbagli..- dissi scrollandomelo di dosso e scendendo dal letto.
-Basta! Adesso basta!- alzò la voce seguendomi.
Sobbalzai mentre mi afferrava per le braccia e mi costringeva a guardarlo, io tenevo sempre lo sguardo basso.
-Abbie? Per favore! Devi dirmi cosa ti ho fatto, perchè sei così fredda con me..non c'è un motivo, se c'è dimmelo...-
Abbassai il capo scuotendo la testa mentre lui con un dito me lo rialzò puntando i suoi occhi nei miei.
-Andy....Andy..-
-Cosa ti ha fatto quel bast..- 
-Niente!- sbottai arrabbiata -Lui niente!- 
-Vabene...ho capito, ho fatto io qualcosa di sbagliato...dimmelo, per favore!- mi pregò ancora.
-Sei davvero così sicuro di non saperlo? Nella tua testa sai che non hai fatto nulla di sbagliato...ma è qui che ti sbagli!-
-Dimmelo una buona volta!- 
-Mi ha detto...che...s-stamattina, parlavi...con una ragazza..e.-
-Bhe anche tu parli con molti ragazzi.- mi interruppe irritato.
-Non ho finito! Allora uno era quella strabica della tua amica che aveva preso la mia borsa e già mi stava sulle scatole..ma..-
-Io invece lo odio il tuo amichetto pensa un po'..- interruppe ancora più irritato.
-Non.ho.finito! Piantala!- sbottai puntandogli contro un dito -mi ha anche detto che...insomma...che tu...ecco voi avevate atteggiamenti molto...-
-Molto?- chiese confuso.
-Molto...oh aiutami tu visto che lo sai no?- chiesi retorica.
-Cosa? Ma di cosa stai parlando?- si difese alzando le mani.
-Ah ti prego Zayn...smettila di fare scena, voi due non sembravate semplici amici...- incrociai le braccia -eppure vi siete appena conosciuti...- continuai disgustata.
-Abbie ti senti bene? Mi aveva solo chiesto una cosa tutto qui, noi non....oh andiamo non sarei qui in queste condizioni se fosse successo davvero.- disse puntando i suoi occhi lucidi nei miei..

Lucidi, i suoi occhi lucidi..

Guardai altrove, non sapevo che fare..Andy o Zayn?
Chi dei due aveva ragione? 
'Ma forse tu lo sai chi ha ragione vero Abbie?'
Scossi la testa ritornando con lo sguardo su di lui.
-Io...-
-Davvero credi a quel....quello che ti dice lui? Ti riempie la testa di cazzate dalla mattina alla sera..-
-Okkei questo non puoi dirlo...avrà anche sbagliato ma..- spiegai
-Avrà anche sbagliato? Bhe non so se ti rendi conto di quello che stava per accadere..per colpa sua, di una stronzata...io..io s-stavo per perderti.-
-S-stavi? Mi stai perdendo..- sottolineai.
-No Abbie ascoltami, a me non importa nulla di quella ragazza...lo giuro! Non ci ho fatto nulla..te lo giuro, deve accadermi qualcosa di grave se non sto dicendo la verit..-
-Non dire così..- lo pregai con occhi stanchi.
-No lo dico, perchè ti sto dicendo solo la verità, ti ho sempre detto la verità..io non voglio che ti accada nulla e anche se dovesse succedere non me lo perdonerei mai, mai! Lo porterò dietro perchè sarò io il responsabile. Io non voglio tutto questo, io voglio che tu sia felice in ogni momento della tua vita e che tu viva la tua vita come ti piaccia, voglio solo il meglio per te Abbie...- aveva la faccia d'angelo più sincera dell'universo, gli occhi leggermente lucidi trasmettevano purezza e lealtà...Zayn era vero...lo era sempre stato, ed io non me ne ero mai resa conto.
Mi accasciai a terra piangendo violentemente, mi sentivo così in colpa...ero un'idiota, una vera idiota. Come non avevo fatto ad accorgermi delle sue verità? Come avevo solo pensato di dubitare di lui? Anche quando mi scansava, nell'ombra cercava di proteggermi, non dandolo troppo a vedere ma lui c'era sempre stato.
-Abbie..non piangere..- si abbassò prendendomi per le braccia e cercando di tirarmi su.
-Mi sento così in colpa...sono una stupida...così..- continuavo a ripetere coprendomi il viso.
-Smettila..- m'interruppe abbracciandomi -tutti commettiamo degli errori, ma non possiamo starci male  per sempre..- mi prese il volto tra le mani asciugandomi le lacrime -basta, ti prego...- 
Sospirai affannosamente mentre finivo di pulirmi il trucco rimasto, Zayn mi guardava con il solito sorriso splendente.
-Non guardarmi...- mi voltai.
-Dio non ho mai visto una ragazza perfetta come te..- sussurrò girandomi verso di se.
-Non lo sono infatti.- 
-Tu credi di non esserlo...-
-Io so di non esserlo.-
-Ah piantala.- rise poi riprese ad abbracciarmi -litigare con te è l'ultima cosa che voglio, vederti piangere..bhe non voglio vederlo affatto.- mi sussurrò appoggiando una mano sulla mia testa. 
Lo strinsi a me fortissimo mentre qualche lacrima continuava a scendere, il moro mi teneva a se, mi racchiudeva tra le sue braccia larghe...poi si staccò prendendomi il viso tra le mani.
-Hai sonno?- domandò avvicinandosi lentamente.
-Mhm...tu no?- risposi socchiudendo gli occhi.
-Ma stato così sveglio.- enunciò prima di far combaciare le labbra sulle mie.
Fu un bacio semplice, mi accarezzava il viso e dolcemente con una mano percorreva tutta la mia schiena attirandomi sempre più vicino.
-Posso dormire accanto a te?- chiesi e lui fece una piccola risata.
-Tutto quello che vuoi principessa..- mi diede un ultimo bacio poi insieme ci dirigemmo in camera sua. 
Ma mentre uscivamo dalla mia stanza, incontrammo Louis.
-Dove andate?- ci guardava stupito....non riuscivo a capire il perchè..
Poi la risposta arrivò, Zayn aveva una mano sul mio fianco ed ero letteralmente appiccicata a lui.
Vidi il moro fargli segno di stare in silenzio ma Louis continuava.
-State insieme?- domandò leggermente euforico.
Lo guardai leggermente rossa in viso ma lui guardava Zayn dietro di me che forse gli disse qualcosa e così Louis se ne andò leggermente contento.
-Tu....cosa hai..?-
-Niente...da vieni..- pronunciò leggermente rosso prendendomi sottobraccio.
Ci sdraiammo sul suo letto, mi fece appoggiare tra le sue braccia..anzi mi stringeva tra le sue braccia. Il suo braccio circondava la mia spalla mentre l'altra mano combaciava con la mia...era tutto molto dolce, tutto così perfetto.
-Buonanotte piccola.- mi diede un bacio sulla guancia mentre io, già quasi nel mondo dei sogni, ricambiai...forse stavo sognando davvero.

"-Ciao Zayn, ci vediamo domani..- lo ringraziai per avermi riaccompagnata a casa mentre lui con un ultimo saluto girò i tacchi ritornando in macchina.
Cercai le chiavi dalla borsa ma senza risultato, sotto lo zerbino ma nulla.
Poi ecco che un tonfo si sentì alle mie spalle, mi voltai giusto in tempo per vedere il moro inerme per terra vicino la sua auto.
Spalancai gli occhi, richiudendoli più volte prima di catapultami alla altro lato della strada. 
-Zayn!-
Era immobile, con gli occhi chiusi ed estremamente freddo. Sentii una morsa nello stomaco vedendolo in quello stato. Chiamai un'ambulanza, mentre lo scuotevo in tutti i modi....ma nulla.
Passarono ore e l'ambulanza non arrivava, ma soprattutto Zayn non dava segni di vita. Quella scena fu come un dejavù. Avevo già visto tutto quello, era già stampato tutto a memoria nella mia testa. 
-ZAYN TI PREGO SVEGLIATI! ZAYN...-
Ma niente, non accennava ad aprire gli occhi.
-Non lasciarmi così!-
-Zayn!- continuavo ad urlare in preda al panico, poi sentii due mani afferrare le mie braccia...ma lì non c'era nessuno!"


-Abbie! Abbie! Svegliati Abbie!- aprii gli occhi trovando il viso del moro a pochi centimetri dal mio. Era preoccupato e mi guardava confuso allo stesso tempo.
Diedi uno sguardo fuori, il cielo era ancora buio...era solo stato un brutto sogno....l'ennesimo brutto sogno.
Ero talmente preoccupata per quei suoi continui svenimenti che arrivavo a sognarmeli la notte.
-Abbie, stai bene?- domandò ancora accarezzandomi il viso bagnato.
Avevo caldo, sentivo la pelle andare a fuoco, sbatteva per quanto fossi allarmata.
-Zayn...- stavo per ricominciare a piangere quando mi accorsi del brutto sogno.
-Era solo un incubo...è passato.- disse mentre con una mano spostava i capelli dal mio viso e con l'altra cercava qualcosa per farmi aria.
-Z-Zayn...resta qui..- lo fermai pregandolo.
-Sono qui..sempre qui piccola mia.- 
Mi sdraiai nuovamente con la testa sul suo petto e così mi addormentai, sperando sia in modo definitivo.

[....]

Sentii qualcosa fare pressione sulla mia guancia, poi una mano accarezzarmi i capelli. Aprii gli occhi trovandomi il viso di Zayn davanti la faccia, aveva un aspetto buffo...gli occhi leggermente socchiusi e i capelli spettinati mi fecero sorridere.
-Buong...-
-Buongiorno piccioncini la colazione è pronta!- arrivò Louis urlando.
Sbuffai mettendo la testa sotto il cuscino mentre il moro soffocò una risata accarezzandomi il braccio. Poi sbirciai notando che Louis era ancora lì, non accennava ad andarsene ed io volevo stare ancora un po' tra le braccia di Zayn.....non in sua presenza.
Mi arresi scendendo dal letto e guardando il moro a malincuore, poi gli sorrisi scendendo di sotto....Louis mi seguì.
-Bene bene bene, te lo dirò una volta e per tutte, chiaro e tondo, scuro e quadrato, bicolore e...-
-Louis!-
-Vabene, vabene. Devi spiegarmi cosa c'è tra te e Zayn.- mormorò eccitato.
Tipico.
-Oh vorrei tanto ma sai siamo arrivati di sotto e purtroppo devo correre a fare colazione, non ho tempo adesso ciao.- mi divincolai mentre Louis mi malediva a bassa voce.
-Buongiorno Abbie!- mi salutò Harry mentre metteva a tavola la mia tazza di latte.
-Che strano...e pensare che quando eravamo a Londra ero io che preparavo il latte a te..- enunciai.
-Si vero? Questione di poche settimane, quindi non abituarti.- mi fece un occhiolino.
-Allora che si fa stamattina?- domandai bevendo d'un sorso...odiavo il latte.
-Mare.- stabilì il biondino.
-Niall! Avevamo detto che andavamo a visitare qualche luogo caratteristico!- s'intromise Liam.
-Oh..e tu avevi detto che non ne sapevi nessuno..- rise Louis.
-Una guida pur sempre si trova.- alzò le spalle.
Scese anche Zayn che iniziò a fissarmi senza sosta.
-Buongiorno dormiglione!- pronunciò Louis guardandomi malizioso e ricevendo un calcio dal moro -ecco la tua colazione..-
-Liam, siamo in America. Spiaggie bianche, mare da sogno, ragazze da sballo..- disse Louis attirando l'attenzione di tutti...tutti compreso il moro.
-E tu vuoi andare a visitare monumenti...no ma dico...sei frocio?- continuò scatenando una risata generale.
-Louis ha ragione.- continuò mio fratello ricevendo un'occhiataccia da parte mia -insomma, siamo in America. Chissà quando ci ricapiterà di trovarci tutti qui..-
-Bene! Allora Harry?- domandò Niall.
-Mare.-
-Louis?- 
-Oh mare eccome..-
-Zayn?- domandò al moro che stava letteralmente dormendo con la testa quasi nella tazza -lo prendo per un si...Abbie?- 
-...E' lo stesso..- alzai le spalle.
-Ah ah cinque contro uno bello....hai perso..- enunciò Niall vittorioso.
-E vabene..-

[...]

-Ho vinto!- urlai balzando dal lettino facendo cadere tutte le carte.
-Andiamo è la quinta volta di fila, secondo me bari.- protestò Liam.
-Io non so barare mio caro.- 
-Se, è quello che dicono sempre i dilettanti.-
-Dilettante che ti ha sconfitto cinque volte di fila..- ammiccai.
-Ragazzi io e Louis andiamo a prendere qualcosa al bar, sapete dove trovarci..- disse mio fratello lasciandomi un bacio sulla guancia.
-Arrivo anch'io...dopo aver stracciato Abbie..- pronunciò Liam ricevendo una linguaccia.
-Rivincita?- mi domandò ancora.
-Rivincita.- ammiccai fiduciosa guardando Zayn di tanto in tanto.
Era così bello guardare una persona e scoprire che quest'ultima lo sta già facendo...


Zayn's Pov.
-Niall mi passi gli occhiali?- chiesi mentre il biondino eseguiva quello che gli avevo chiesto.
Arrivò a sedersi accanto a me sull'asciugamano. Io ero intento a guardare Abbie. Insomma, il suo sorriso...era sempre felice, trasmetteva allegria anche guardandoti semplicemente negli occhi. La guardavo mentre era intenta a giocare con Liam, mentre era intenta a sorridere ogni due secondi, quando era felice io mi sentivo al settimo cielo. Poi ogni tanto spostava lo sguardo su di me ma subito lo ricalava, arrossendo leggermente...ogni volta era come se la guardassi per la prima volta, come se m'innamorassi per la prima volta.
Innamorarsi...si.
-Allora..- arrivò Niall distogliendomi dai miei pensieri ma non smettevo un secondo di guardarla -tu ed Abbie.- pronunciò con un sorrisetto.
-Si?- 
-Zayn mi ascolti?- disse passandomi una mano davanti la faccia.
-Cosa? Oh si..- scossi la testa puntandola verso di lui.
-Ti eri incantato..- alzò le spalle.
Incantato...su quale meraviglia mi chiederesti.
-Allora?- insistette.
-Allora cosa?- 
-Tu ed Abbie idiota.-
-Ah..-
-Ho fatto centro! Su racconta..- 
-Io..bhe...insomma..-
-Sei tutto rosso.- ridacchiò
-Così non mi aiuti ti pare?- chiesi al alta voce.
-Scusa.- rise -continua.-
-Quando mai ho cominciato?-
-Avanti!-
-Mi piace.- dissi d'un fiato.
Vidi gli occhi di Niall illuminarsi, pian piano un sorriso apparve sulle sue labbra...stava letteralmente scoppiando.
-Lo.Sapevo!- urlò facendo voltare Abbie e Liam -niente.-
-Ehi biondino, non devi dirlo a nessuno chiaro?- lo zittii con una mano.
Annuì per poi continuare con il suo interrogatorio.
-Lo sapevo davvero, insomma dai vostri sguardi, dai vostri litigi...c'era qualcosa sotto...perchè continuavi a negarlo?- s'irritò
-Bhe non potevo di certo venire da voi e dire 'ehi ragazzi sapete, sono innamorato perso di Abbie credo che le chiederò di uscire'.- sussurrai il più piano possibile.
-Hahaha ma da quanto?- 
-Da sempre...- abbassai la testa.
-Da..sempre? E perchè lo dici solo adesso?-
-Perchè....perchè è così, non c'è un perchè..- risposi triste.
-Andiamo Zayn!-
-Davvero!-
-Bhe meglio tardi che mai e quando hai intenzione di dirglielo?- 
-Hai finito con queste domande? Sei peggio di mia madre cavolo.- 
Rise.
-Innamorato perso?- ripetè le mie parole alzando le sopracciglia.
-Innamorato perso.- dissi guardandola in tutto il suo splendore.
-Mhm vediamo...cosa provi quando la guardi?-
-Bhe...non so da dove cominciare. Ogni volta che incrocio il suo sguardo provo tantissime sensazioni, qui nello stomaco, non so come spiegare...ma ogni volta che la guardo mi sento subito meglio, come se scomparissero tutti i miei problemi. Quando invece non c'è sento che mi manca qualcosa, come se una parte di me si fosse staccata dalla mia anima e fosse volata via con lei, mi manca terribilmente quando non la vedo in giro per casa e provo quella sensazione di omicidio quando la vedo parlare con qualcun'altro al di fuori di me..di noi. Ha un viso così tenero da far invidia a chiunque, è perfetta anche senza quel trucco sulla faccia, è perfetta la mattina appena sveglia con i capelli arruffati e gli occhi chiusi da sonno, è perfetta quando è arrabbiata, quando cerca di farsi perdonare.- mi scappò un sorriso -è perfetta sempre..non c'è nulla da aggiungere. Poi quando è lì che mi guarda e sorride.....prendi adesso per esempio. Andrei lì, le strapperei quelle carte di mano, la prenderei in braccio e la farei sdraiare su di me per tenerla tra le mie braccia...per proteggerla, non la farei scappare mai..non le permetterei che le accada nulla. La cullerei per sempre, perchè è proprio questo che lei si merita.-

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...