Abbie Allison Styles ღ

  • by
  • Rating:
  • Published: 23 Dec 2013
  • Updated: 18 Apr 2015
  • Status: Complete
«Vuoi saperlo davvero?» Annuii decisa. «Vuoi sapere perchè in questi anni sono stato così lontano da te?» «S-si..» «Vuoi sapere perchè ti trattavo male, i miei sbalzi d'umore?» «Si...si!» Sospirò. «Speravo questo momento non arrivasse mai..» farneticò. «Cosa..quale momento?» «In cui ti dicevo tutta la verità..» -------------------------------------------- Zayn Jawadd Malik, un ragazzo cupo e solitario. La sua vita è cambiata nel corso degli ultimi anni, si comporta male con tutti, persino con i suoi amici. Ma c'è un motivo per il suo improvviso cambiamento? Egli nasconde un terribile segreto che però non rivela in giro. Perchè Zayn non ha bisogno di nessuno, neanche di colei che gli ha segretamente rubato il cuore. O almeno lei così crede. Riuscirà una turbolenta vacanza in California a calmare le acque? Troverà Zayn la pace? Riuscirà a fidarsi della sorella del suo migliore amico?

78Likes
447Comments
60488Views
AA

21. 21.Capitolo Ventuno

                                        21.Capitolo Ventuno

Harry si bloccò appena vide me e Zayn seduti vicini sul letto. Si fermò letteralmente. Sull'uscio della porta, con lo sguardò scuro che si spostava da Zayn verso di me.
-Harry...sai che è maleducazione entrare senza bussare?- domandai ironica.
-Cosa state facendo?- domandò irritato ignorando del tutto la mia domanda.
Zayn mi guardò annuendo con la testa.
-Faccio io..- gli sussurrai alzandomi e andando contro mio fratello.
-Harry...-
-State insieme?- domandò calmo.
-Cosa? No! Nono, è solo che le cose sono un po' cambiate.- iniziai a spiegare notando il suo sguardo spostato su Zayn che si trovava alle mie spalle.
-Harry! Io sono qui.- lo richiamai.
-Scusa, continua.-
-Allora dicevo, le cose sono cambiate..nel senso che..-
-Ragazzi!! La cena è pronta!- urlò Liam dal basso.
-Arriviamo Lì.- enunciò mio fratello -Lo spiegherete a tavola..- poi mi appoggiò un braccio attorno la spalla e insieme scendemmo di sotto, mentre Zayn...poverino....era dietro di noi da solo.
Harry era fatto così, quando si arrabbiava era capace di mandare a quel paese chiunque, un giorno lo fece anche con mia madre e come ricompensa non uscì di casa per ben due settimane, ma con me...non si era mai permesso...mai! Mi diceva che ero la sua piccolina da proteggere, una perfetta sorella minore da accudire. Ma io volevo solo fargli capire, che non ero più una bambina...e forse non riusciva ad accettarlo.
E' bello la prima volta, pensi 'Wow che bello a qualcuno interessa della mia vita', ma andando avanti diventa troppo pesate, ruba i tuoi spazi, non ti lascia fare nulla da sola, ti senti...in trappola ecco...chiusa in una maledetta trappola lasciando che gli altri decidano per te e non è affatto una gran cosa!
Mi sedetti accanto a Zayn e mangiammo tutta la deliziosa cena preparata dal cuoco Liam, o meglio Niall mangiava tutta la tua cena se non ti sbrigavi a finirla prima di lui.
-E' buonissima Lì.- affermai finendo il piatto.
-Grazie e devo dire che Niall mi ha aiutato molto, è bravo in cucina.- disse guardando il biondino sorridente
-Bravo...a svaligiare il frigo ogni giorno.- intervenì Louis scatenando una risata generale.
-Certo che devi sempre rovinare un bel momento.- pronunciò il biondino incrociando le braccia.
-Ma è la verità biondo.- alzò le spalle.
-Ragazzi...Abbie deve dire qualcosa.- disse improvvisamente Harry.
-Cosa? Ah..ehm giusto...allora...ragazzi.....l-le cose sono cambiate..- mi fermai cercando lo sguardo di Zayn che non tardò ad arrivare.
-Credo sia meglio che parli io..adesso.- intervenì il moro alzandosi in piedi.
-Zayn.- lo fermò mio fratello.
-No Harry è una cosa che riguarda me...-
Mi guardò facendo 'no' con la testa, poi mi sussurrò 'non ce la faccio', lo ricambiai sorridendo facendogli coraggio.
-R-ragazzi, i-io so che quest'anno sono cambiato, mi sono comportato da idiota..e la cosa che più mi dispiace è averlo fatto anche con voi, che siete la cosa più importante che mi sia mai capitata, i migliori amici del mondo...e c-così proprio ieri mi sono promesso di cambiare.... a cominciare con...- mi guardò intensamente.
-Me..- mi alzai anch'io stringendogli la mano.
Sentii Zayn irrigidirsi e poi diventare tutto rosso.
-E-ecco, adesso quello che voglio dirvi è...scusatemi, per tutto.- concluse sedendosi abbassando la testa.
Ero rimasta in piedi solamente io così mi sedetti imbarazzata.

Zayn's Pov
Nessuno parlava, tutti mi guardavano. Non riuscivo a capire cosa provavano..erano un po' sconvolti, di sicuro, ma tranne Louis, il solito.
-Bentornato fratello..- sorrise finalmente Harry.
Nel sentire quelle parole alzai la testa di scatto ed un sorriso si aprì sul mio viso. Poi ad uno ad uno i ragazzi si alzarono venendomi incontro. Ci abbracciammo, fu una sensazione meravigliosa, insieme dopo tutto quel tempo...e ne era passato di tempo. 
-Bhe immagino che tu adesso abbia caldo.- disse Louis ridendo.
-Sta zitto.- scherzi dandogli un pugno.
Sorrisi instintivamente mentre Abbie mi guardò. Nessuna parola, solo uno sguardo felice puntato verso di me.
-Quindi adesso tu e Abbie siete amici?- mi domandò Niall. 
-C-certo...si.-fargugliai
-Wow, chissà come sarà la vita senza continui dispetti e battibecchi tra voi due.- rise il biondo.
-Sicuramente migliore Niall.- intervenì Abbie venendo verso di noi. 
-Sono contento di questa scelta.- disse abbracciandomi Harry.
Ricambiai sorridendo.
Non so perchè ma quella sera non smettevo di sorridere, il sorriso era fisso sulle mie labbra. Ero contento, più tranquillo, finalmente mi ero tolto un enorme peso che mi portavo dietro dall'inizio dell'anno scolastico...e forse anche un po' prima.


Abbie's Pov
-Allora ragazzi, cosa ne direste di uscire?- propose Niall.
-Dipede, se è una discoteca io vengo.- alzò le mani mio fratello guardandomi.
-Harry! Tu non andrai più in discoteca se prima non vengo anch'io.- andai verso di lui un po' arrabbiata.
Non fece altro che ridere insieme a Louis, poi mi tirò per un braccio facendomi sedere su di lui.
-Ma tu odi le discoteche, non ci andrai mai..- si lamentò allacciando le mani attorno ai miei fianchi.
-Appunto.- sorrisi.
-Ma che bastarda che sei.- scherzò ancora il riccio.
-Lo so.- gli feci una linguaccia.
-Allora che ne dite?- continuò ma io lo guardai male -A-andremo in un bar qui all'angolo..e smettila di guardarmi così, fai paura..- 
-Hahaha vabene allora vengo.- 
-Allora andiamo a prepararci, sennò si farà tardi.- ecco una delle perle di saggezza di Liam.
-Vi do dieci minuti occhey?- pronunciò Louis sul primo gradino.
-Muoviti.- lo spinse Harry ridendo quasi facendolo cadere.
-Z-Zayn?- lo richiamai.
-Dimmi..- tornò indietro scendendo le scale e si fermò avanti a me.
-Era di questo...c-che volevi parlarmi, in questi giorni?- enunciai a voce bassa.
-Oh...ehm si.- disse passandosi una mano tra i capelli.
-....scusa se...insomma, non te ne ho mai dato l'occasione..ecco..- avevo lo sguardo sul pavimento quando lui con un semplice gesto, mi alzò il capo puntandolo verso di lui.
-Tranquilla...non è niente..- sorrise.
Ricambiai poi salimmo a prepararci, stavo mettendo le scarpe quando entrò il moro.
-Ehi..pronta?- mi domandò aprendo la porta.
Mi soffermai a guardarlo, un semplice paio di bermuda con sopra una semplice t-shirt...sembrava strano ma quelle semplici cose, lo rendevano ancora più bello.
-Abbie?- rise guardandomi.
-Cosa? Ah si ho quasi finito.- mi alzai tutta rossa andando in bagno per truccarmi, e Zayn inaspettatamente mi seguì, guardandomi mentre ero assorta a mettere il mascara.
-Perchè metti quella roba?- domandò continuando a guardare la mia mano movendosi su e giù.
-Perchè metti il gel?- domandai a mia volta facendolo ridere -Per sembrare più carina.- dissi guardandomi allo specchio, mi aggiustai un po' i capelli..poi ritornai in camera.
-Più carina?- mi chiese ancora seguendomi.
-Si, perchè?- lo guardai ovvia.
-Scherzi? Tu non hai bisogno di quella roba per 'sembrare più carina'.- fece le virgolette con le mani.
Sorrisi abbassando la testa, mentre lui venne verso di me allacciandomi le mani dietro la schiena.
-Hai ragione....me ne servirebbe di più.- risi guardandolo negli occhi.
-Tu.sei.bellissima, con o senza trucco.- pronunciò alzandomi il mento con un dito.
Diventai rossa e lui, guardandomi, fece un enorme sorriso.
-Hai caldo?- disse ironico.
-Idiota!-
Si avvicinò sempre di più, ecco che stava per succedere di nuovo. Era ad un passo dalle mie labbra, ma questa volta non fu lui a tirarsi indietro....io.
-H-ho dimenticato una c-cosa..- inventai al momento andando in bagno, rimanendolo solo.
Chiusi la porta, portai un po' d'acqua sulla fronte poi mi guardai ancora un po' allo specchio. Ero rossissima e avevo un gran caldo. 
-Abbie, sei pronta?- mi richiamò mio fratello dal basso.
-A-arrivo!-
Asciugai la faccia sistemandomi il trucco, poi aprii la porta notando l'assenza del moro...era andato via! Abbassai lo sguardo e scesi di sotto dove trovai i ragazzi che mi aspettavano e Zayn seduto sul divano, quel divano, a guardare la tv.
Mi era dispiaciuto tanto, speravo non se la fosse presa. Ma non era colpa mia, non riuscivo ancora a farlo, non mi sentivo ancora pronta per baciare una persona con la quale non ci si sta neanche insieme e se sai che con quella persona non potrà mai funzionare...
-Andiamo?- domandò Louis facendo voltare Zayn, il quale come previsto, mi guardò.
Non prendemmo la macchina, decidemmo che a piedi avremmo avuto la possibilità di visitare meglio la città. Dopo tanti giri, Louis ci costrinse ad entrare in un negozio che vendeva bretelle, a quel che avevo capito, ne andava matto.
-Louis sbrigati, non possiamo stare qui tutta la serata.- lo avvertimmo rimanendo fuori.
-Davvero vuoi far entrare solo Louis Abbie? Hahahaha quello combinerà qualche guaio, andiamo.- dopo vari sguardi minacciosi verso Liam, entrammo in quel maledetto negozio.
Lì c'era Louis che gironzolava come un solitario alla ricerca di qualcosa che però non riusciva a trovare.
-Lou va a chiedere.- gli suggerii -la commessa è laggiù.- indicai una ragazza più o meno alta dietro la cassa.
-Ohohoh...Harry guarda com'è carina! Adesso vado lì e ti farò vedere come si fa!- sussurrò con aria sognante.
Lo guardai incrociando le braccia e lui mi guardò facendo spallucce.
-Abbie però non mi lasciare solo, vieni con me.- mi trascinò verso la cassa.
-Salve, posso aiutarla?- domandò sorridente la ragazza bionda.
-S-si...ecco volevo chiedervi se avevate bretelle.- farfugliò imbarazzato Louis. Io intanto inziai a ridere silenziosamente.
-Oh si certo, mi dica come le desidera. Avevamo quelle bianche, ma sono terminate...quindi rosse oppure a quadri?- domandò guardandolo.
-Q-quelle...bianche..- esordì Louis sgranando subito gli occhi.
La commessa lo guardò divertita, nessuno dei due parlava, forse Lou si era accorto della grande figura che aveva combinato, io scoppiai a ridere facendo voltare Louis che era tutto rosso.
-Vabene, grazie mille.- risi prendendolo per mano e trascinandolo fuori.
-Allora? Com'è andata Lou?- chiese mio fratello.
-Che.figura.di.merda!- pronunciò guardando in basso facendo scoppiare a ridere tutti.
Dopo molti altri giri e figure da parte di Louis e Niall ci fermammo al nostro solito bar. Per tutta la serata Zayn non mi aveva rivolto la parola, forse ci era rimasto male...ma non ne aveva un buon motivo! Anch'io ci ero rimasta male...anzi malissimo, quando lui si era tirato indietro!
-Vado ad ordinare, voi prendete un tavolo lì fuori....ma cos'è?- Harry mettendo una mano in tasca trovò un piccolo pezzo di carta, lo guardò per un momento poi mi chiese di andarlo a buttare.
-Il solito svuota tasche vero Harry?- scherzai poi uscii fuori per gettare quella carta. 
Sentii qualcuno abbracciarmi da dietro, sapevo già chi fosse, sorrisi instintivamente mentre mi girai e lo strinsi forte.
Ma dietro di lui, c'erano i ragazzi seduti di spalle e Zayn che mi guardava malissimo.

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...