Abbie Allison Styles ღ

  • by
  • Rating:
  • Published: 23 Dec 2013
  • Updated: 18 Apr 2015
  • Status: Complete
«Vuoi saperlo davvero?» Annuii decisa. «Vuoi sapere perchè in questi anni sono stato così lontano da te?» «S-si..» «Vuoi sapere perchè ti trattavo male, i miei sbalzi d'umore?» «Si...si!» Sospirò. «Speravo questo momento non arrivasse mai..» farneticò. «Cosa..quale momento?» «In cui ti dicevo tutta la verità..» -------------------------------------------- Zayn Jawadd Malik, un ragazzo cupo e solitario. La sua vita è cambiata nel corso degli ultimi anni, si comporta male con tutti, persino con i suoi amici. Ma c'è un motivo per il suo improvviso cambiamento? Egli nasconde un terribile segreto che però non rivela in giro. Perchè Zayn non ha bisogno di nessuno, neanche di colei che gli ha segretamente rubato il cuore. O almeno lei così crede. Riuscirà una turbolenta vacanza in California a calmare le acque? Troverà Zayn la pace? Riuscirà a fidarsi della sorella del suo migliore amico?

78Likes
447Comments
60530Views
AA

20. 20.Capitolo Venti

                                          20.Capitolo Venti

-N-no!- aprii di scatto gli occhi trovandomi Zayn ai piedi del letto che mi guardava insistentemente.
-Z-zayn?- sussurrai aprendo pian piano gli occhi
-Buongiorno Abbie, su alzati...un'altra giornata sta per cominciare..- era così sorridente.
Ma in quel momento ero arrabbiata con lui, aveva interrotto il mio sogno ed io volevo assolutamente sapere chi era quel ragazzo misterioso. Era stato anche Zayn a pronunciare quelle parole, non facendomi ascoltare le altre....un bel disastro no?
-Ehi....dove vai?- mi domandò, ma non lo risposi.
Scesi in cucina dove raggiunsi Harry per fare colazione.
-Buongiorno piccola, dormito bene?- venne verso di me abbracciandomi.
Annuii 
-Voi? Divertiti?-
-Mhm...si, ma se non ci fosse stato Liam ci saremmo divertiti di più.- disse facendogli una linguaccia.
-Non è colpa mia se volevate bere tutta la serata..- pronunciò quest'ultimo.
-Cosa?!- 
-Hahahaha calmati..- rise mio fratello.
-Liam hai fatto benissimo...- andai verso di lui e lo abbracciai.
-S-si lo so.- pronunciò imbarazzato, forse non se lo sarebbe aspettato.
-Tu che hai fatto?- mi domandò Harry improvvisamente.
-Io? Ehm...Zayn..-
-Zayn?! Lui non era andato a dormire?- disse Harry leggermente arrabbiato.
Vidi Niall dietro di lui che mi fece segno di non dire niente.
-Ehm..no volevo dire, aveva mal di testa e...gli ho fatto una camomilla? Ehm si una camomilla.- sorrisi 
-Tu..gli hai fatto una camomilla?- domandò irritato.
Niall questa volta sgranò gli occhi, facendomi segno di cambiare discorso.
-Ehm...perchè...si...-
Questa volta mi mimò un 'Idiota' con le labbra.
-Io sono idiota? Tu sei un idiota che non sa nemmeno cosa dire.- Harry mi guardò confuso, poi si girò e trovò Niall che mangiava un biscotto guardando altrove.
-Eh?!-
-Devo andare ciao.- mi congedai salendo le scale..
Ritornai in camera mia sospirando.
La porta si aprii e il biondino fece capolino guardandomi divertito. Scoppiammo a ridere entrambi.
-Hahahaha dovevi vedere la tua faccia quando Harry si è girato verso di te.- risi così tanto da farmi venire il mal di pancia.
-Hahaha menomale che ho fatto in tempo a prendere un biscotto...però sei proprio un'idiota sai?-
-Io? Scusa se non so improvvisare...e nemmeno tu...- scherzai.
-Oh...ogni volta che entro in questa stanza mi incanto a guardare questo panorama.- enunciò Niall avvicinandosi alla finestra.
-Perchè quante volte sei entrato?!- iniziai a ridere.
-Un paio.- sorrise a sua volta.
-Senti biondo io devo andare a fare una cosa urgente, tu se vuoi resta qui ma non combinare niente vabene?-
-Vabene capo!-
Uscii ancora ridendo e mi diressi nella camera di Zayn, proprio affianco alla mia.
Bussai ma nessuno rispose..
-Zayn, apri sono Abbie.- dissi battendo una mano sulla porta.
Ancora nessuna risposta.
-Zayn? Su apri..-
Ancora niente, ma ero sicura che fosse lì dentro?
-Uff..- sbuffai appoggiandomi alla porta.
Improvvisamente dalla sua camera si sentì un rumore.
-Aah ecco vedi ci sei?- scherzai -Su avanti apri, non me ne andrò da qui fin quando non aprirai, quindi se dovrai andare in bagno per il tuo stupido ciuffo rimarrai lì dentro.- dissi cercando di convincerlo.
Ma Zayn non diede nessun segno. Mi stavo davvero preoccupando.
-Zayn cos'è stato quel rumore?..Su ti prego apri.- alzai un po' il tono di voce.
D'un tratto si sentirono due giri di chiave poi il moro finalmente aprì la porta.
Mi alzai sulle punte e velocemente avvolsi le braccia attorno al suo collo, ma lui purtroppo non ricambiò subito.
-Scusa..- pronunciai a bassa voce ad un orecchio.
Lo sentii sorridere e finalmente strinse le braccia attorno ai miei fianchi. 
-Cos'era quel rumore?- sussurrai preoccupata.
-Sono caduto.- rispose ridendo stringendomi ancora di più, quasi da non farmi respirare.
Scoppiai a ridere sulla sua spalla, eravamo ancora lì, abbracciati fuori la sua camera..immobili, io sulle punte e lui leggermente abbassato, poi sciolse quell'abbraccio ed entrammo nella sua camera.
-Si può sapere cos'avevi?- mi domandò facendomi sedere a cavalcioni.
-N-niente.- sorrisi
-Non era niente..- pronunciò avvolgendomi la vita con le sue grandi mani.
-Non posso dirtelo.- risposi imitandolo.
-Andiamo Abbie! Io davvero non posso farlo..- abbassò lo sguardò.
-Ma perchè? Non ti fidi di me?- chiesi triste.
-Io mi fido ciecamente di te ma..-
-Allora qual è il problema?- domandai ancora.
Sospirò
-Non posso..-
-Bhe neanch'io.- risposi alzando le spalle -non ci provare.- ordinai vedendo che stava per iniziare a fare il solletico.
Rise poi mi abbracciò ancora.
E ancora una volta mi sentii così bene nelle sue braccia..

E ancora una volta mi provocò brividi che mi attraversarono senza sosta..
E ancora una volta moltitudini di sensazioni piacevoli si fecero spazio nel mio stomaco...
E ancora una volta, proprio sul più bello, qualcuno bussò alla porta.
Mi alzai di scatto rimanendo in piedi come un ebete e Zayn mi guardava ridendo.

-Che ti ridi? Guarda che se dici qualcosa sei morto!-
-Allora non lo diremo ai ragazzi?-
-Ehm...bhe ai ragazzi si, ma Harry no..-
-Ma...-
-Zayn ci sei?- domandò Louis fuori la porta.
-Si....si entra.-
-Senti Zayn devi raccontarmi cosa è success.....ciao Abbie.- mi salutò dolcemente, poi ci fu un attimo dove guardò sia Zayn che me e fu allora che sulle sue labbra si allargò un sorrisetto malizioso, così per non peggiorare la situazione decisi di andare via..
-I-io vado, ci vediamo dopo ragazzi.- stavo per andare ma Zayn mi bloccò dandomi un bacio sulla guancia.
-A dopo..- sorrise.
Avvampai, non per quel bacio..perchè se eravamo soli sarei morta, ma per la presenza di Louis, che però non mostrò nessun segno di meraviglia, solo un ennesimo sorriso malizioso e le braccia incrociate al petto.
Senza farci tanto caso però corsi nella mia camera, dove rimasi a pensare sul mio letto.
Il bacio di Zayn, 
era quello l'argomento a cui pensare. Aveva delle labbra così morbide e anche se era durato poco, erano stati i secondi più belli della mia vita.
La porta si aprii per la millesima volta in quella giornata e Louis entrò chiudendola alle sue spalle. Aveva ancora le braccia incrociate al petto e mi guardava insistentemente.
-Cosa c'è?- domandai alzandomi dal letto.
-Tu e Zayn.- bastarono quelle parole, nella mia testa riaffiorarono le immagini di noi due la sera prima, bastarono quelle parole per sgretolarmi lo stomaco.
-Non c'è niente.- sussurrai indifferente.
-Andiamo, non dirmi che ieri sera non è successo niente.- chiese ancora.
-Oh ma chi sei tu...mio fratello?- risi.
-Lui in questa situazione sarebbe peggio....credimi!-
-Si...si lo so.- abbassai lo sguardo.
-Allora?-
-...Ieri Zayn mi ha detto che voleva cambiare, ma era disposto a farlo solo se avessi accettato, vuole essere migliore....con tutti, a partire da me..- spiegai molto imbarazzata.
-Wow, davvero ha detto questo?-
-Certo!-
-E perchè iniziare proprio con te?-
-N-non lo so Louis.-
-Quindi adesso voi...-
-Voi niente Lou, non c'è niente, non c'è mai stato niente e non ci sarà mai niente!- risposi decisa.
-Andiamo perchè dici così?- si sedette accanto a me.
-Perchè lo so, punto!-
L'immagine di Zayn che si allontanò difronte a quel bacio ritornò nella mia mente, ci ero rimasta un po' male...azni tantissimo.
-Mhm..e non è successo nient'altro?-
-Cosa vuoi che sia successo Lou? Abbiamo visto un film e...-
-E..?-
-Basta!- mentii
Si, non avrei raccontato a nessuno del quasi bacio, nessuno. Se lo avessi detto a Louis probabilmente avrebbe iniziato a saltellare per tutta la casa, Harry...bhe lui si sarebbe arrabbiato senza dubbio. Mi aveva avvertita, me lo aveva detto più volte di lasciarlo in pace....ma non gli avevo dato mai ascolto. 
Non era assolutamente colpa mia! Zayn...aveva qualcosa di speciale.
Non voglio essere come tutte le altre ragazze che dicono 'Lui è diverso dagli altri', Zayn aveva davvero qualcosa di differente e quel qualcosa mi attraeva...eppure eravamo così diversi..
-Lui menefreghista,
Io stupida,
-Lui dolce,
Io acida,
-Lui alto,
Io bassa,
-Lui così fottutamente perfetto,
Io una qualsiasi...
Ma forse gli opposti si attraggono.


[...]

-E così Malik è cambiato..- Cleo ripeteva quel nome dall'inizio della telefonata..
-Non Malik...Zayn!- la corressi per l'ennesima volta.
-E ha cambiato anche te.- sentii sorridere dall'altra parte.
-Haha ti ho detto, ieri aveva detto che voleva cambiare..-
-Voglio tutti i particolari..- disse elettrizzata
Andiamo bene..
-Particolari? Ero in camera mia a parlare con Andy e...-
-Aspetta aspetta, il mio bambino è lì con te?-
-Il tuo bambino?!
-Si Andy, il bambino a cui faccio da baby sitter....per colpa tua..!-
-Ah giusto....hahahah no Andy è un ragazzo che ho conosciuto un paio di giorni fa, in un parco...non ricordo bene il nome..-
-Ah, stavo già preparando le valigie visto che la madre mi avrebbe uccisa..quindi...com'è?- sussurrò maliziosa.
-E'...carino, gentile e anche molto dolce...-
-La fotocopia di Zayn allora.- rise.
-Ahahah divertente.- risposi seria -E' cambiato davvero Cleo.-
-Vabene ti credo amica mia, ma tu sai la novità?- quasi urlò
-Oh, dimmi dimmi dimmi dimmi!-
-......MI MANCHI!- urlò facendo finta di piangere.
-Ohhh tesoro manchi anche tu..-
-Sarei un'egoista a chiederti di tornare presto, quindi...divertiti!-
-Grazie, non vedo l'ora di vederti!-
-Anch'io...adesso vado, Andy mi sta facendo uscire pazza.-
-Andy?!- risi -Ah giusto...che imbranata.-
-Si lo so.-
-Hahahaha allora vado anch'io, a presto.-
-A presto idiota.-


-Avanti....Zayn! Non c'è bisogno di bussare sai? Siamo tutti nella stessa casa..- risi sedendomi sul letto.
-Grazie la prossima volta ci penserò.- entrò sedendosi accanto a me -Allora....ehm, era Andy?-
-Dove?- mi girai intorno.
-Ma no stupida.- sorrise girandomi la testa verso di lui -Dicevo al telefono..-
-Ahh, nono era Cleo.-
-Ah, perchè ho sentito quel nome allora...-
-Nha Cleo fa la baby sitter, quindi Andy era il nome di qualche bambino...-
-Capito....allora, come l'hai conosciuto?- chiese serio.
Perchè tutte quelle domande?
-Ehm...l'altro giorno ero al parco, facevo una passeggiata..-
-Da sola?- sgranò gli occhi
-Nessuno poteva accompagnarmi.- affermai
-Io?- chiese retorico.
-Eri ancora inspiegabilmente misteriosamente arrabbiato con me....tu.- gli feci notare.
-Vabbè ma ad andarci da sola....io sarei venuto.- abbassò la testa sul pavimento.
-Ah, non lo sapevo.- risposi vagamente.
-Sarei venuto così avresti anche evitato di con-.....cioè evitare di incontrare qualche...malintenzionato...dicevo.- enunciò imbarazzato.
-hahaha bhe la prossima volta ci penserò Zayn.-

-Abbie..stasera noi andiam..- la porta si spalancò ed Harry entrò nella mia stanza.

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...