After

Tessa Young è una studentessa diciottenne al college, con una vita semplice, voti eccellenti e un dolce fidanzato. Pianifica sempre le cose prima del tempo, finché non incontra un ragazzo scortese di nome Harry, con troppi tatuaggi e piercing, il quale distrugge i suoi piani.

59Likes
74Comments
90424Views
AA

63. Capitolo 63.

“Figo, andiamoti a prendere un drink.” Sorride Zayn ed entra in cucina. Lo seguo, psicoanalizzandomi mentalmente in modo che possa superare questa festa. Volevo fermarmi e lanciare imprecazioni ad Harry, dirgli di non parlarmi mai più, schiaffeggiarlo e strappare i capelli a Molly. Comunque, probabilmente lui l’avrebbe trovato divertente, quindi decido di ingurgitare l’intera vodka alla ciliegia che mi ha fatto Zayn e chiedergliene un’altra. Harry ha rovinato troppe delle mie notti, e mi rifiuto di essere quella ragazza.
“Woah, rallenta, killer. Ne hai già bevute due!” Ride Zayn appena alzo il bicchiere per un altro drink nel giro di minuti.
“E’ davvero buona.” Rido e lecco il restante sapore della ciliegia dalle mie labbra.
“Beh, andiamoci piano con questo, okay?” Sorride e io acconsento.
“Penso che stiamo per fare un altro giro di obbligo o verità.” Mi informa. Cos’è con questi adulti e i loro irritanti giochi di obbligo o verità? Pensavo che le persone avessero smesso di fare questi giochi ridicoli al liceo. Il dolore nel mio petto torna appena inizio a pensare alle cose che possono essere stati sfidati a fare Harry e Molly.
“Cosa mi sono persa nell’ultimo giro?” Gli chiedo con il miglior sorriso malizioso che riesco a fare. Probabilmente sembro pazza, ma lui ricambia, quindi sembra funzionare.
“Solo qualche persona ubriaca che si succhia la faccia, il solito.” Ride. Il nodo in gola si stringe, ma lo ingoio con il mio drink. Faccio una risata finta e continuo a bere dal bicchiere mentre torniamo sul divano. Zayn si siede sul pavimento, diagonalmente da Harry e Molly sul divano e io mi siedo a fianco a lui, più vicino di quanto mi metterei di solito, ma è proprio questo il punto. Harry stringe gli occhi, ma lo ignoro. Molly è ancora arroccata sulle sue gambe come la troia che è, e Steph mi rivolge un sorriso compassionevole e lancia un’occhiata ad Harry. La vodka sta iniziando a fare effetto quando arriva il turno di Niall.
“Niall, obbligo o verità?” Chiede Steph e Niall sorride.
“Verità.” Risponde e lei alza gli occhi al cielo.
“Femminuccia.” Dice. Il suo linguaggio colorito non smette mai di sorprendermi. “E’ vero che hai pisciato nell’armadio di Tristan lo scorso fine settimana?” Gli chiede e tutti iniziano a ridere, tranne me. Non ho idea di cosa stiano parlando.
“No! Vi ho già detto che non sono stato io!” Si lamenta e tutti continuano a ridere. Zayn mi guarda e mi fa l’occhiolino nel mezzo della risata. Cavolo, è figo. Davvero figo.
“Tessa, giochi?” Mi chiede Steph e io annuisco. Guardo Harry e mi sta fissando. Gli sorrido e guardo Zayn. La sua espressione accigliata, toglie un po’ della pressione del mio petto. Dovrebbe sentirsi male quanto me.
“Okay, obbligo o verità?” Mi chiede Molly. Ovviamente me lo doveva chiedere lei.
“Obbligo.” Dico coraggiosamente. Solo Dio sa cosa mi farà fare.
“Ti obbligo a baciare Zayn.” Dice e si sente qualche sussulto e risatina.
“Sappiamo già cosa ne pensa sul baciare persone, scegli qualcos’altro.” Dice Harry tra i denti.
“In realtà, va bene.” Vuole giocare, possiamo giocare.
“Non penso che..” Harry inizia a dire.
“Sta’ zitto, Harry.” Dice Steph e mi rivolge un sorriso consapevole.
Non posso credere che ho acconsentito a baciare Zayn, anche se è una delle persone più attraenti che abbia mai visto, ho baciato per davvero solo Noah e Harry, Johnny alle elementari, ma non conta.
“Sicura?” Mi chiede Zayn. Cerca di comportarsi come se fosse preoccupato, ma riesco a vedere l’eccitazione nel suoi lineamenti perfetti.
“Sì, sono sicura.” Rispondo e prendo un altro sorso dal bicchiere prima di poggiarlo di fianco a me. Gli occhi di tutti sono su di noi mentre Zayn si lecca le labbra e si allunga per baciarmi. Le sue labbra sono fredde a causa del suo drink e riesco a sentire la dolcezza della ciliegia sulla sua lingua. Le sue labbra sono morbide, eppure dure contro le mie e la sua lingua si muove espertamente con la mia. Sento il calore crescere nel mio stomaco, neanche lontanamente caldo come con Harry, ma è comunque bello. Zayn porta le mani sulla mia vita e entrambi ci alziamo sulle ginocchia.
“Okay.. dannazione, ha detto baciare, non scoparvi davanti a tutti.” Dice Harry e Molly gli dice di stare zitto. Harry sembra arrabbiato, più che arrabbiato. Ma se l’è chiamata da solo. Una parte di me aveva presupposto che si sarebbe levato Molly da dosso, ma non l’ha fatto.
Mi allontano da Zayn e sento le guance accaldarsi mentre tutti ci fissano. Steph alza i pollici verso di me e io abbasso lo sguardo. Zayn sembra molto soddisfatto e io mi sento imbarazzata ma esaltata dalla reazione di Harry.
“Tessa, tocca a te chiedere a Tristan.” Dice Zayn. Tristan sceglie obbligo, quindi gli do l’obbligo meno creativo e gli faccio bere un drink.
“Zayn, obbligo o verità?” Chiede Tristan mentre posa il bicchiere. Ingoio il resto del mio, più bevo, più le mie emozioni diventano sfocate.
“Obbligo.” Risponde Zayn e Steph sussurra qualcosa nell’orecchio di Tristan.
“Ti obbligo a portare Tessa di sopra per dieci minuti.” Dice e io mi affogo con il mio stesso respiro. Questo è troppo.
“Questa è buona!” Dice Molly e ride a mie spese. Zayn mi guarda come a chiedermi se mi sta bene. Senza pensare, mi alzo e gli prendo la mano. Sembra sorpreso quanto tutti gli altri, ma si alza con me e stringe la mia mano.
“Questo non fa parte di obbligo o verità, è.. uhm, beh, è fottutamente idiota.” Dice Harry.
“Che c’entra? Sono entrambi single ed è tutto per divertirsi, perché ti importa?” Gli chiede Molly.
“Non.. non mi importa. Penso che sia stupido e basta.” Risponde Harry e mi fa male il petto. Ovviamente non aveva pianificato di dire ai suoi amici che siamo.. eravamo.. qualsiasi cosa fossimo. Mi ha usata tutto il tempo, sono solo un’altra ragazza per lui e sono stata stupida, più che stupida a pensarla diversamente.
“Beh, meno male che non sono affari tuoi, Harry.” Scatto e tiro Zayn dalla mano.
“Bruciato! Accidenti!” Sento qualche voce dire e Harry li insulta mentre ci allontaniamo da loro. Troviamo una stanza da letto a caso proprio sopra le scale e Zayn apre la porta e accende la luce. Ora che sono lontana da Harry, inizio a sentirmi più nervosa a stare da sola con Zayn. Non importa quanto sia arrabbiata con Harry, non voglio trastullarmi con Zayn, beh, non direi che non voglio, ma so che non dovrei. Non sono quel tipo di ragazza.
“Allora, cosa vuoi fare?” Squittisco.
Ridacchia un po’ e mi porta verso il letto. Oh, signore.
“Parliamo e basta, sì?” Dice e io annuisco e abbasso lo sguardo sul pavimento.
“Non che non vorrei fare molte altre cose con te, ma sei intossicata e voglio che tu sia perfettamente consapevole di quello che sta succedendo. Non voglio approfittarmi di te.” Mi dice e io sussulto.
“Sorpresa?” Mi chiede, facendomi ridere.
“Un po’.” Ammetto.
“Perché? Non sono un coglione, come Harry.” Dice e io distolgo di nuovo lo sguardo. “Sai, pensavo che tra te ed Harry ci fosse qualcosa per un po’.”
“No.. noi siamo solo.. beh, eravamo amici, ma non più.” Non voglio ammettere quanto sono stata stupida a credere le menzogne di Harry.
“Quindi continui a vedere il tuo ragazzo delle superiori?” Mi chiede. Sono sollevata di smettere di parlare di Harry.
“No, abbiamo rotto.”
“Oh, che peccato. Era un ragazzo fortunato.” Sorride. E’ così affascinante. Mi ritrovo a fissarlo negli occhi color caramello, le sue ciglia sono più lunghe delle mie.
“Grazie.” Arrossisco e lui sorride di più.
“Magari potrei portarti fuori qualche volta? Ad un vero appuntamento? Non in una stanza da letto a una festa di una confraternita.” Ride nervosamente.
“Uhmm..” Non so cosa dire.
“Che ne dici se te lo chiedo domani quando sarai sobria?” E’ più carino di quanto pensassi. Di solito i ragazzi attraenti come lui, sono dei coglioni, come Harry.
“Affare fatto.” Acconsento e lui prende di nuovo la mia mano.
“Torniamo di sotto.” Suggerisce e io annuisco. Quando torniamo di sotto Harry e Molly sono ancora sul divano, ma Harry ha un drink adesso e Molly ha le gambe distese su di lui, dal lato, invece che essergli seduta addosso. Gli occhi di Harry sfrecciano verso la mia mano e quella di Zayn intrecciate, la tiro via senza pensarci, ma poi gliela riprendo. Harry serra la mascella e io distolgo lo sguardo.
“Com’è stato?” Ghigna Molly.
“Divertente.” Rispondo e Zayn resta in silenzio. Lo ringrazierò dopo per non avermi corretta.
“Tocca a Molly.” Annuncia Niall appena ci risediamo sul pavimento.
“Obbligo o verità?” Le chiede Harry.
“Obbligo, ovviamente.” Gli dice. Lui mi guarda dritta negli occhi e dice: “Ti obbligo a baciarmi.”
Il mio cuore si ferma, letteralmente. Smette di battere, è più stronzo di quanto avessi mai immaginato. Le orecchie sono otturate e il cuore mi martella nel petto quando Molly mi lancia uno sguardo glorioso prima di attaccarsi ad Harry. Tutta la rabbia che sento verso Harry scivola via ed è rimpiazzata dal dolore, mi consuma e sento le lacrime bollenti sul mio viso. Non posso più guardare, sono in piedi a farmi spazio tra la folla ubriaca nel giro di secondi. Sento Zayn e Steph chiamarmi e sembra che la stanza stia girando e quando chiudo gli occhi tutto ciò che riesco a vedere sono Molly ed Harry. Raggiungo finalmente la porta e l’aria fresca mi riempie i polmoni e mi riporta alla realtà. Come può essere così crudele? Corro giù le scale del marciapiede, devo andare via da qui. Vorrei non averlo mai incontrato, vorrei aver avuto una compagna di stanza diversa, vorrei persino non essere mai venuta alla WSU.
“Tessa!” Sento e mi giro, convinta che mi stia immaginando tutto, finché non vedo Harry inseguirmi.

Join MovellasFind out what all the buzz is about. Join now to start sharing your creativity and passion
Loading ...