Storia Di Un Piccolo Disastro

Questa e la storia di una ragazza di 16 anni ormai 17,senza padre e madre pensando di essere sola ma..

24I mi piace
17Commenti
4318Visualizzazioni
AA

4. Una svolta alla mia vita.

Mia:Scusa Niall...torno a c-casa..

Dissi staccandomi imbarazzata

Niall: No!..c'è ecco...si ok ciao

Mio padre aveva buttato tutto all'aria...ora mi tocca risistemare tutto.

Mia:Ma porca troia...

Mi ero tagliata con i resti delle bottiglie di birra. La serata fu come tutte le altre io chiusa in camera,al buio con un particolare,la fascia alla mano, eh già non era un semplice taglio,era un bel taglio grande sulla mano destra,non riuscivo a piegarla!

_________

Mi svegliai come ogni mattina mi vestii e mi incamminai verso scuola,che bello era l'ultimo giorno prima della vacanze di natale oggi e il 18 domani il 19 primo giorno di vacanza..ad un tratto sentii dei passi..

X:Buon giorno!

Mia:ah oh sei tu Niall...buon giorno!

Niall:come e finita?

Mia:come al solito..ma a te che t'importa..?

Niall:m'importa eccome...Mia..mi sono affezionato a te..

Mia:ma tu sei troppo importante per parlare con me..

Niall:non me ne frega!

Mia:Bhe..domani pomeriggio iniziamo quel progetto di geografia..

Niall:ok,vieni a casa mia..alle 15:00..

Mia:ok,perf..

Niall:cosa hai fatto alla mano?

Mia:ieri raccogliendo pezzi di vetro..

Niall:non è nulla di grave,vero?

Mia:no no!

Arrivammo a scuola e andammo stranamente insieme in classe..

Mia:Non capisco,ora tu mi consideri mentre prima...

Niall:Veramente mi sono avvicinato a te con l'intenzione di farmi dire tutti i tuoi segreti per poi dirlo a Mike così..così..

Mia:per poi prendermi in giro,vero?-dissi con le lacrime agli occhi-

Niall:si,ma..ma poi ti ho conosciuta meglio,hai pianto sulla mia spalla,e ho capito che non c'era da scherzare e che sei una bella ragazza...

Mia:Bhe..G-graz..ie..-Dissi asciugandomi le lacrime-

Prof:Bene slave ragazzi oggi parleremo di...

E così per altre 6 ore...

Presi lo zaino e mi incamminai verso casa...ero in anticipo di solito arrivo a casa alle 18:00 ..

Niall:Hey,posso accompagnarti?-Disse sorridendomi-

Mia:certo...

Niall:Ricordati di domani!

Mia:Si si..

Passarono un paio di minuti e nessuno di noi fiato..

Niall:eccoci qui davanti a casa tua

Mia:certo,grazie-Feci per andarmene ma lui rimase li a guardarmi

Mia:Mmmh...Bhe non vai a casa

Passo un minuto e poi dissi

Mia:Se vuoi entrare,ma non guardare il disordine..

Niall:Certo tranquilla

Entrammo

Mia:Strano non c'è casino

Niall:ma cosa sono questi rumori provenienti da sopra?

Mia:sarà mio padre che piange..no aspetta ma..ma ma..aspetta..

Niall:cosa?

Corsi di sopra Niall mi segui ma si fermo in fondo al corridoio con aria interrogativa io apri di colpo la porta..e vidi..mio padre che..che...lo stava facendo con una ragazza e ripeto RAGAZZA.

Mia:PAPÀ MA CHE CAZZO FAI?

Papà:Mi diverto.

Mia:PAPÀ CAZZO PORCA TROIA! ADESSO VAI ANCHE A PUTTANE?

Papà:...

Mia:MUORI STRONZO!

Iniziai a pingere urlare...la puttana mi guardava impietrita e si alzo rivestendosi

Mia:E TU CHE VAI CON QUELLI DI 50 ANNI?

X:E il mio "lavoro"

Mia:ESCI ESCI DA QUESTA CASA SPORCA TROIA!

Papà:Ma no perche?

Andai addosso a mio padre e gli dissi

Mia:COSA? E ti permetti pure di parlare? MUORI COGLIONE!

Me ne andai chiudendomi la porta alle spalle e mi sedetti per terra e iniziai a piangere e urlare,Niall era ancora li scandalizzato,si avvicino a me e mi abbracciò,

Niall:Io io..

Mia:Era meglio se non ti facevo entrare...voglio morire..

Niall:Finiscila non dire queste cose!

Mia:Niall..mio padre stava andando a puttane!

Niall:Lo so,lo so...

Mia:Oh Dio Mio...

Niall mi prese la testa e l'appoggio dolcemente al suo petto

Dopo un'ora circa lui torno a casa sua io mangiai qualcosa e portai fuori la spazzatura e proprio mentre stavo tornando a casa...vidi mio padre sull'orlo della finestra

Mia:O MIO DIO NIALL AIUTO AIUTATEMI PAPÀ NO PAPÀ NOOOO!!

Papà:Isabel sto arrivando,ora sono pronto!

Mia:NO PAPÀ TI PREGO!!!

Tirai fuori il telefono e chiamai l'ambulanza

PAPÀ . SALTÓ.

Mia:O mio dio papà!

Mi buttai su quel corpo ancora caldo,e scoppiai a piangere,ora ero sola,veramente sola

Mia:papà perche,perché io ti voglio bene ora cosa farò?

Papà:Mia,io ti ho sempre voluto bene.

Mia:Papà!!!

Papà:ti saluto la mamm...-E morì col sorriso sulle labbra-

In poco tempo la gente si ammucchiò su me e mio padre,nativo l'ambulanza che per prima cosa cerco di staccarmi dal corpo di mio padre,poi arrivo Niall che mi prese di peso e mi porto via dalla folla,io ancora piangevo.

Mia:Perche...ora sono sola ci sono io,e basta,sono sola completamente sola..-Dissi a singhiozzi-

Niall:No Mia! Ci sono io,ora tuo padre e li su in cielo con tua madre,ora e felice.

Mia:Gia ma io? Ora cosa farò sa sola?

Arrivo Maura..

Maura:Tu devi essere Mia...

Mia:S-si sono io..

Maura:Senti,non puoi stare sola,quindi prepara il bagaglio e vieni da noi..almeno per un po..

Mia:i-o...Bhe...

Maura:insisto.

Mia:Ok,se non sono un disturbo..

Maura:va a preparare la valigia..-Mi sorrise-

Io andai

_NIALL_

Povera...ero a pezzi,lei non meritava tutto ciò!

Maura:Ti piace vero?-Mostro un odiabile sorrisino-

Niall:No mamma! E solo un'amica!-Abbassai la testa imbarazzato-

Maura:hahaha ok..come vuoi!

Eccola,ancora piangeva...io-io...credo di essermi...no Niall..

Mia:eccomi..-Disse malinconica-

Maura:Andiamo..

Stava iniziando a nevicare,era bellissima sotto la neve,in suo biondo dorato e i suoi occhi azzurri sulla neve,Wow senza parole

Maura:Bhe non entri?-Disse sorridendole-

Si era bloccata alla porta

Niall:Hai intenzione di star li o vuoi entrare?-Dissi un po acidamente ma più dolcemente-

Mia:Oh s-i certo-Tremava-

La neve ormai aveva ricoperto le strade

Niall:Bhe benvenuta!

Maura:Niall portala nella camera vicino alla tua

Niall:Ok,vieni...

Mia:ok...

Salimmo le scale la portai nella sua camera

Niall:eccola..disfa pure la valigia se hai bisogno sono in camera mia

Mia annuì

_MIA_

Stavo disfa di la valigia,apri l'armadio e vidi un sacco di pacchi di non so cosa uscì dalla stanzA e andai in quella affianco e bussai

Niall:chi è?

Mia:sono io,mia

Niall:oh entra

Entrai ed era sul letto a messaggiare appena mi vide sorrise e si alzo

Mia:Niall,scusa il disturbo ma l'armadio e pieno di pacchi..

Niall:oh scusa me ne ero dimenticato!

Corse in camera e sposto i pacchi nello sgabuzzino in corridoio..

Niall:scusa ancora

Mia:niente..

Se ne andò lasciandomi li in camera,ripresi a mettere la mia roba nell'armadio

Maura:NIALL,MIA SCENDETE C'È LA CENA!

Quella frase suonava strano,e da anni che non la sento pronunciare "Mia e pronta la cena!"...uscì dalla camera e presa dai miei pensieri andai a sbattere contro Niall

Mia:Oh scusami!-Diventai rossa completamente!-

Niall:Tranquilla!-Sorrise imbarazzato-

La cena era ottima,aiutai a sparecchiare,era il minimo che potessi fare

Mia:io salgo a fare una doccia..

Niall e Maura:certo..fa pure!

Una bella doccia calda mi ci voleva per scordare tutto almeno per mezz'ora..uscì dalla doccia misi l'asciugamano intorno per coprirmi e uscì in corridoio,e chi incontrai?..NIALL!diventai rossa come un pomodoro stava per dirmi una cosa ma corsi in camera senza guardarlo..mi cambiai velocemente e mi asciugai i capelli...

Iscriviti su MovellasScopri perché tutta questa agitazione. Iscriviti adesso per cominciare a condividere la tua creatività e passione.
Loading ...