Errori

Draco Malfoy, Un ragazzo da tutti considerato un poco di buono.
Denise Holmes, una ragazza che da poco si conosce veramente.
Storia immersa in odio, amore, litigi, amicizia e sopratutto errori.

!!per la storia sto utilizzando SOLO i luoghi e alcuni personaggi dei romanzi "Harry Potter"!!

19I mi piace
94Commenti
10374Visualizzazioni
AA

22. Regali.

Capitolo 22: Regali

Sento un dolce aroma di caffè nel'aria, le tende pesanti del baldacchino non fanno passare la luce ma sono sicura che sia mattina.

La mattina di natale.

Pochi passi più avanti sento fischiettare sotto la doccia, Draco si sta preparando per andare dai suoi genitori per la cena di natale e questo è il momento giusto per tirare fuori il piccolo pacchettino con l'anello.

Lo appoggio con delicatezza sopra il comò con un biglietto di auguri scritto con dell'inchiostro smeraldo.

Poi busso alla porta del bagno

"Draco hai finito?"

"Mhh"

"Dai che devo fare la doccia!"

"E vieni allora!"

Le mie guance avvampano.

Apro piano la porta.

Una nuvola di denso vapore esce per poi sparire.

Entro.

Mi guardo attorno.

Non c'è nessuno.

Poi sento delle mani fredde sulla vita.

"Vieni con me" mi sussurra all'orecchio

Lo seguo senza pensarci, mi porta fuori dalla stanza, fuori dalla sala comune.

Poco più avanti giriamo in un corridoio mai visto prima.

E camminiamo fino ad una piccola porta, Draco la spinge leggermente. Si apre.

"Entra" la sua voce, così dolce e così autoritaria.

E così faccio.

"Non si vede niente Malfoy! Se è un tuo scherzo giuro ti ammazzo"

Nessuna risposta.

Subito dopo ad un rumore sordo si accendono delle luci e davanti a me, appeso in una gruccia, un bellissimo vestito di un rosso bordeaux bellissimo, con la gonna lunga fino a terra, due spacchi fino al ginocchio, le maniche lunghe in pizzo e la schiena completamente scoperta.

Li vicino un paio di scarpe col tacco altissimo, una stola dello stesso colore del vestito ed un piccolo cofanetto di velluto.

Mi giro, Draco è alla porta, sembra immerso nei suoi pensieri.

"Perché questo?"

I suoi occhi mi fissano

"Oggi vieni a Malfoy Manor a pranzare con me ed i miei genitori, non ti permetto di rimanere qui con questi quattro coglioni, è natale.

A proposito bello l'anello"

Le sue labbra si incurvano in un sorriso mentre io divento dello stesso colore del vestito.

L'aveva trovato.

E ci sta giocando proprio ora.

"Felice che ti piaccia" dico visibilmente imbarazzata.

Con delle grandi falcate si avvicina e mi prende le spalle, si abbassa alla mia altezza e mi dice: "è davvero bello. Mi piace. Anche io mi sono preso il disturbo di regalarti qualcosa, ora va a fare la doccia, che tra un po' partiamo, porto io le cose in camera."

Mi ritrovo in doccia sotto un getto d'acqua calda, del bagnoschiuma profumato alla vaniglia in una mano e una spugna nell'altra. Devo essere perfetta. Cosa tutt'altro che semplice.

Dopo una buona mezz'ora mi decido ad uscire dalla doccia, coi capelli gocciolanti e la pelle profumata, indosso un accappatoio in spugna bianca e torno da Draco.

Lui è perfetto.

Pantaloni, giacca neri e camicia bianca.

Sembra un dio.

Senza guardarlo di nuovo prendo gli slip in pizzo rossi ed il vestito e ritorno dentro alla densa nuvola di vapore del bagno.

Dopo essermi asciugata i capelli perfettamente ed averli passati con la piastra indosso il vestito che ovviamente mi sta perfettamente.

Passo un velo di fondotinta sul viso, metto un rossetto rosso scuro, il più simile al colore del vestito e infine un po' di mascara per accentuare le ciglia che mi incorniciano gli occhi.

Devo fare il possibile per non sfigurare vicino a Malfoy.

Esco dal bagno e, a testa bassa, mi metto le scarpe. Anche se terribilmente alte sono comodissime.

Due dita ghiacciate prendono il mio mento e con una leggera pressione mi fanno alzare il viso.

Quello che incontro sono due occhi mozzafiato.

Così freddi. Così burrascosi. Così perfetti.

"Alza i capelli" io obbedisco

Lui appoggia qualcosa di freddo al mio collo e lo aggancia.

"Perfetta, tremendamente perfetta"

Mi giro e nel riflesso dello specchio vedo una finissima catenina di platino da cui pende un ciondolo a forma di serpente con uno sperando come occhio.

Ricaccio indietro le lacrime che minacciano di uscire.

Draco mi prende la mano.

Siamo pronti per andare a Malfoy Manor.

Iscriviti su MovellasScopri perché tutta questa agitazione. Iscriviti adesso per cominciare a condividere la tua creatività e passione.
Loading ...