Errori

Draco Malfoy, Un ragazzo da tutti considerato un poco di buono.
Denise Holmes, una ragazza che da poco si conosce veramente.
Storia immersa in odio, amore, litigi, amicizia e sopratutto errori.

!!per la storia sto utilizzando SOLO i luoghi e alcuni personaggi dei romanzi "Harry Potter"!!

18I mi piace
94Commenti
9903Visualizzazioni
AA

30. Novità.

Capitolo 30: Novità

La luce verdognola filtra pigramente dalla grade finestra che da sul lago nero, la stanza oggi è molto illuminata, segno che fuori è soleggiato e sta arrivando la bella stagione.

Il grande letto a baldacchino è tutto sfatto, ma mi basta il calore del corpo al mio fianco per scaldarmi.

Draco dorme ancora pesantemente, quindi decido di fare una doccia.

Apro l'acqua e mentre aspetto la temperatura giusta mi pettino i lunghi capelli nocciola.

Un leggero vapore inonda la stanza così entro nella doccia, sentendo i miei muscoli sciogliersi dopo tutto il movimento della notte precedente.

Lavo anche i capelli con un profumatissimo shampoo alla fragola.

Quando esco dalla doccia il bagno è completamente immerso in una nebbia densa di vapore, nelle piastrelle c'è un velo di condensa ed è molto semplice scivolare.

Prendo un asciugamano di spugna e lo uso per coprirmi anche se non ritengo più imbarazzante farmi vedere nuda dal biondino.

Mentre mi asciugo le fredde goccie d'acqua rimaste e mi vesto vedo che il sonno di Draco se ne sta andando e quindi ritorno al suo fianco con i capelli gocciolanti.

Non appena appoggio la testa sul cuscino lui apre gli occhi, quegli occhi grigi che non avevo mai visto senza l'alone di strafottenza che era solito avere.

E si, lo ammetto, mi piacciono, tanto.

-non ti vedevo così di buon umore da dieci anni- la sua voce ancora impastata dal sonno è sexy e provocante ma con una nota dolce.

-non penso di essere mai stata così bene in vita mia- risposi, vergognandomi un po' della risposta.

Lui se ne accorse e con l'indice mi fece alzare il viso ancora rosso dall'imbarazzo.

-non devi diventare un peperone ogni volta- mi disse col suo ghigno sulle labbra, cosa che trovavo molto più eccitante ora.

Me lo sto mangiando con gli occhi, e lui lo sa. Il suo viso perfetto coi capelli di platino e gli occhi come un mare in tempesta, le spalle larghe, i fianchi stretti, i muscoli scolpiti dell'addome, delle braccia e delle gambe, tutto mi eccita di lui.

Devo parlare con Ara!

-scusa Draco devo andare, fai un doccia, ci troviamo dopo a colazione- lo saluto dandogli un bacio sulla guancia e senza neanche accorgermene stavo sorridendo come un ebete.

Corro subito su da Ara e tempesto la sua porta di pugni.

-Ara, Ara! Apri ho bisogno di parlarti.-

Qualcosa mi dice che l'ho svegliata, forse le occhiaie profonde oppure la totale assenza del trucco che la rende più sicura, ma di sicuro struccata è cento volte meglio.

-mi hai svegliata Den! Spera sia così importante visto che stanno per finire le vacanze e devo recuperare il sonno!-

-l'ho fatto Ara.-

Lei sembra perplessa. -cosa?-

-io, ehm.. Ho fatto.. Si cioè con Draco.. Ieri sera.. Si.. Abbiamo..-

-Avanti Den, sono la tua migliore amica. Puoi dirmi tutto..- poi senza il mio aiuto scoprì il mio segreto. -hai scopato con Draco?!-

-shh! Svegli anche i grifondoro così!-

-sono sconvolta-

-Sei la prima e l'ultima persona a cui lo dirò, Ritieniti fortunata.-

-avanti raccontami-

Le raccontai tutta la serata per filo e per segno interrompendomi solo per riprendere fiato o per le sue domande su come mi avesse trattata.

-è stato... Dolce.-

-Den, sai di chi parliamo qui? Di Draco Malfoy, il playboy della scuola, tutte qui vogliono farselo, lui non è dolce, lui è da toccata e fuga-

-con me non è fuggito, siamo stati abbracciati tutta la notte-

Un lungo sospiro esce dalle labbra di Ara.

-ho sbagliato?-

-è la tua vita Den. Non posso farci nulla.-

La abbraccio, e mi maledico mentalmente per essere stata così stupida, poi una domanda dopo l'altra entrano nella mia testa, lasciando spazio solo ad un dubbio sempre più grande. Se l'avesse fatto veramente solo per un nome in più nella sua lunga lista di beneficiate?

Scaccio i brutti pensieri con un movimento della testa e i capelli quasi asciutti mi ricadono sul davanti in morbide onde.

Ho fame. Quindi, dopo aver guardato l'orologio corro in sala grande per prendere qualcosa da sgranocchiare.

Mi siedo al mio solito posto in fondo alla tavolata dei serpeverde. Prendo una fetta di pane tostato e inizio a mangiarla masticando lentamente e assaporando il pane dorato.

Un brusco movimento attira il mio sguardo prima del rumore. Uno schiaffo.

Arriva da Pansy che, con gli occhi in lacrime guarda Draco che si massaggia una guancia.

-ti odio Draco! Pensavo volessi solo me! Poi arrivano le novelline e non riesci a resistere eh! Pensavo avessi smesso. Che fossi solo mio, ma già da settembre vedevo come avevi occhi solo per quella sgualdrina nuova!- fece lei.

Lui con voce calma e controllata le risponde: -va a farti fottere-

Lei con le lacrime che le rigano il viso di nero per il mascara se me va battendo i tacchi chilometrici per diverse volte.

Finita la dose di pane tostato esco al freddo pungente della mattina che, anche se soleggiata, è veramente gelida.

Prendo una sigaretta dal pacchetto e l'accendo, aspiro e guardo le vette ancora innevate.

Sento dei passi dietro di me.. Mi volto giusto in tempo per vedere la faccia divertita di Draco trasformarsi in disgusto davanti ai miei occhi.

-cosa c'è?- gli chiedo quando noto il cambiamento d'umore

Prima di rispondermi di guarda attorno e poi il suo sguardo si ferma sulle sigarette

-quelle sono mie- dice indicandole.

-beccata.- gli dico passandogli il pacchetto.

Prende una sigaretta e la accende.

Dopo aver tirato diverse volte inizia a parlare: -hai sentito Pansy prima?-

Oh, è di questo che vuole parlarmi, mi starà forse mollando?

-ehm, si.-

-denise, dio mi fai degli effetti, ho mandato a 'Fanculo metà delle ragazze della scuola perché non riesco a levarmi te dalla testa-

Sono visibilmente sollevata

-è un bene?-

-non lo so, non ho mai provato dei sentimenti così, e sinceramente, non so cosa aspettarmi da me-

-pensi che dovremmo lasciarci perdere a vicenda e rimanere sulle nostre strade?-

Ti prego, rispondi di no, ti prego ti prego ti prego.

-non so dove andrei a finire senza di te-

Ho il cuore in gola, Draco non è mai stato tanto vulnerabile in vita sua.

Alla fine riesco a dirgli:-allora non facciamolo accadere mai-

Gli allaccio le braccia al collo e lo attiro a me, per poi posare delicatamente le mie labbra contro le sue.

Iscriviti su MovellasScopri perché tutta questa agitazione. Iscriviti adesso per cominciare a condividere la tua creatività e passione.
Loading ...